Cos'è la Teoria del Terreno contro la Teoria dei Germogli?


La Teoria del Terreno è diventata un punto di discussione recentemente, dopo essere stata parlata da professionisti medici, scienziati e appassionati di salute sulla scia dell'attuale pandemia. Una rapida ricerca per la Teoria del Terreno su Internet fornisce una voce su Wikipedia di 'Germ Theory Denialism'. Sono preso alla sprovvista: perché qualcosa dovrebbe essere definito da ciò che non è?

Un'immersione più profonda ci dice che la Teoria del Terreno è alla pari con la dottrina sposata da molti rispettati guru del benessere. La premessa è basata sull'ambiente dell'ospite, il che significa che la malattia non può fiorire in un corpo sano. Se un pesce è malato, si pulisce l'acqua in cui il pesce nuota. La teoria dei germi tratta i sintomi del pesce e ignora l'acqua sporca.

Come è nata la teoria dei germi?

La moderna medicina occidentale è basata sulla teoria dei germi. L'abbiamo accettata nella nostra narrativa nello stesso modo in cui abbiamo abbracciato le tasse e la guerra. È così e basta. La maggior parte di noi non ha mai preso in considerazione spiegazioni alternative da questo lato della scuola di medicina, e forse nemmeno allora.

La teoria dei germi postula che ci ammaliamo quando siamo infettati da microrganismi nel nostro ambiente esterno. Ha senso; c'è un'intera industria costruita su di essa. Approfondendo l'indagine, si scopre che la teoria dei germi è stata sfatata nel 1918, quando il Dipartimento della Salute di Boston non è riuscito a infettare 300 pazienti sani con l'influenza spagnola; non potevano replicare intenzionalmente il virus. Si dice che non è stata dimostrata l'esistenza di un solo virus, e che per identificare correttamente un virus, bisogna isolarlo, riprodurlo e dimostrare che i sintomi si sviluppano in linea con le aspettative (Postulati di Koch). Questo, secondo quanto riferito, non ha mai avuto luogo.

 

Nel 2017, il microbiologo tedesco Stefan Lanka ha offerto 100.000 euro a chiunque potesse dimostrare l'esistenza del virus del morbillo. C'è stata una richiesta iniziale, ma è stata annullata dalla Corte Suprema a causa della natura composita della prova - il che significa che era un'immagine falsificata, fatta da diversi componenti di cellule danneggiate. Si potrebbe pensare che gli studenti di medicina e gli scienziati alle prime armi sarebbero caduti su se stessi per reclamare i soldi, ma non lo sono stati e non sono stati in grado di farlo.

Perché probabilmente non hai mai sentito parlare di Antoine Bechamp?

Il lavoro di Antoine Béchamp può offrire una spiegazione. Usando microscopi ad alto ingrandimento, Béchamp fu in grado di vedere batteri e altro materiale uscire dalle cellule (endogeno), piuttosto che entrarvi (esogeno). Inoltre, ha suggerito che la malattia è il modo del corpo di liberarsi delle tossine ed è il risultato di un sistema immunitario indebolito. Le sue scoperte sono state largamente ignorate o soppresse dal mainstream, ma altri scienziati hanno ripreso da dove lui ha lasciato. (vedi nota)

Béchamp fu un rivale di Louis Pasteur per tutta la vita. Fu Béchamp che portò il processo di fermentazione alla comprensione, ma le sue idee furono rubate. L'Accademia Francese delle Scienze accusò Pasteur di plagiare e sopprimere il lavoro di Béchamp. Come risultato, Pasteur godette di un maggiore riconoscimento commerciale in quanto gli furono attribuite le scoperte batteriche che catalizzarono il progresso medico alla fine del 1800. Fu determinante nel portare la teoria dei germi in prima linea nella moderna assistenza sanitaria. Furono identificati microbi e agenti patogeni e furono creati farmaci e vaccini per combatterli.

Il Rapporto Flexner del 1910 (finanziato e pubblicato dalla Fondazione Carnegie) impose ulteriormente la medicina microbica alle masse e cercò di liberare il mondo dalla 'ciarlataneria'. Le scuole di medicina furono costrette a seguire regole severe in termini di ciò che potevano insegnare e se non si adeguavano, venivano chiuse. I medici naturopati furono screditati e spinti fuori dal sistema. Prima del rapporto, le scuole di medicina avevano una scelta su ciò che potevano insegnare e addirittura insegnavano metodi naturopatici. Dopo, non c'era più scelta. Erano le regole di Flexner o niente.

Potete trovare il Rapporto Flexner del 1910 (PDF) qui:


Il suo impatto 100 anni dopo (PDF) qui:


E il suo impatto sulla psichiatria e la medicina complementare e alternativa qui (PDF):

La medicina industriale si basa sul successo farmaceutico

La nuova via era quella dei laboratori di ricerca e dei farmaci. I giganti industriali finanziavano gli studi e le scuole di medicina erano affiliate alle università. Naturalmente, l'eccellenza nella scienza non è la stessa cosa dell'eccellenza nella cura. Il successo farmaceutico è giudicato dai profitti, non dalla quantità di persone che ha aiutato o curato. Ippocrate, spesso considerato il padre della medicina moderna, è citato per aver detto: "È più importante sapere che tipo di persona ha una malattia che sapere che tipo di malattia ha una persona".

 

Da dove vengono le malattie?

Durante l'attuale pandemia abbiamo sentito di quelli con condizioni esistenti che non se la passano così bene. Alcune persone hanno avuto sintomi lievi, altre sono state a letto per un po', altre ancora hanno veramente sofferto. Perché questo? Se la Teoria dei Germi fosse corretta al 100%, allora sicuramente avremmo tutti la stessa risposta. La Teoria dei Germi non rende conto di molte malattie - cancro, malattie cardiache, diabete e condizioni degenerative e croniche. C'è chiaramente una lacuna nella saggezza convenzionale su come funziona il nostro corpo e sul perché ci ammaliamo.

Il medico naturopata, il Dr. Robert O. Young, crede che una delle origini delle comuni malattie moderne sia l'avvelenamento chimico, che invade il nostro corpo da una miriade di fonti - aria, cibo, acqua, vaccini, pesticidi, fungicidi, erbicidi, tutte cose che non vengono dalla natura. Sono tutti prodotti dall'uomo, denaturati o alterati in qualche modo.

C'è molto da dire sul vivere uno stile di vita sano: uscire all'aria aperta, fare esercizio fisico, bere acqua pura e mangiare molta frutta e verdura; ci fa sentire meglio, più puliti e più vitali. Troppo spesso, siamo pigri e vogliamo una soluzione rapida per i nostri malanni, così prendiamo una pastiglia ed esternalizziamo la responsabilità della nostra salute alle strutture mediche. Vogliamo che vada via tutto da solo, come per magia, ma apportare modifiche alla nostra dieta, formare abitudini migliori ed eliminare le tossine nei nostri ambienti interni può essere un punto di partenza migliore per riportare il nostro corpo alla salute ottimale.

Allegato

Il rapporto Flexner del 1910