Sapevate che un terzo della popolazione tedesca si oppone all'interferenza con le libertà civili e le vaccinazioni?


Colonia, Germania - 3 marzo 2014: Carnevale tradizionale a Colonia, Germania. Un grande carro di carnevale si muove tra la folla nelle strade mentre gli spettatori acclamano e gridano per i dolci. 

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha parlato di un piano graduale per allentare l'isolamento. Allo stesso tempo dice che la Germania è nella terza ondata. Un'apertura sembra quindi ancora lontana, secondo il giornalista di WELT Michael Wüllenweber.

Un sondaggio rappresentativo commissionato dalla Fondazione Bertelsmann mostra: Un numero significativo si oppone alla restrizione delle libertà nella pandemia di Coronavirus. E non tutti vogliono essere vaccinati.

Secondo un sondaggio, ci sono chiare riserve contro la restrizione delle libertà civili nella pandemia e contro una vaccinazione COVID19. Un terzo dei cittadini in Germania (33%) rifiuta "abbastanza" o "completamente" gli sconfinamenti delle libertà civili per combattere la pandemia. E il 34% non vuole essere vaccinato, secondo il sondaggio rappresentativo commissionato dalla Fondazione Bertelsmann e pubblicato mercoledì.

Per il sondaggio, l'istituto Norstat ha intervistato più di 1.000 adulti alla fine del 2020. Secondo la fondazione con sede a Gütersloh, il rifiuto della vaccinazione e delle restrizioni alla libertà è superiore alla media tra le persone che sono particolarmente orientate al rendimento e al successo. La crisi del coronavirus esaspera i conflitti di valori che già sobbollivano, ha detto Yasemin El-Menouar, coautore dello studio "Tra libertà individuale e bene comune".

Circa il 45% degli intervistati era anche convinto che la crisi potesse avere anche effetti positivi - per quanto riguarda la protezione del clima e la convivenza sociale.

E l'82% è d'accordo con l'affermazione che la pandemia dimostra la necessità di un profondo cambiamento nella società.