Il vaccino mRNA della Pfizer: Farmacocinetica e tossicità?


I pericoli della proteina spike del vaccino COVID-19 e le sue interazioni con il sistema immunitario umano, che comportano il rischio di coaguli di sangue e la perdita di vasi sanguigni, stanno diventando più noti.

Pericoli nel corpo?

Ma fino a che punto questi pericoli possono diffondersi nel corpo? Cosa significa questo per la sicurezza dei vaccini?

E che dire delle nanoparticelle lipidiche del vaccino (LNPs), che sono fatte di lipidi che non sono mai stati iniettati in un essere umano?

Che cosa ci dicono le prove ad oggi sulla farmacocinetica dei vaccini e sulla tossicità dei loro componenti? Perché ci si aspetta che i vaccini causino quanto segue:

  • Coagulazione del sangue poco dopo la vaccinazione, che può portare a infarto, ictus e trombosi venosa
  • Gravi danni alla fertilità femminile
  • Gravi danni ai neonati allattati al seno
  • Tossicità cumulativa dopo iniezioni multiple?

In questa analisi dettagliata, il professore associato Michael Palmer e il professore Sucharit Bhakdi spiegano. Essi scrivono:

Riassumiamo i risultati di uno studio sugli animali presentato da Pfizer alle autorità sanitarie giapponesi nel 2020 che si è concentrato sulla distribuzione ed eliminazione di un vaccino modello mRNA. Mostriamo che questo studio ha chiaramente anticipato gravi rischi di coagulazione del sangue e altri effetti avversi. L'incapacità di monitorare e valutare questi rischi nei successivi studi clinici e il processo di revisione grossolanamente negligente associato alle approvazioni di emergenza hanno prevedibilmente portato a un disastro medico senza precedenti.

Di particolare preoccupazione è l'eliminazione molto lenta dei lipidi cationici tossici. In individui iniettati ripetutamente con vaccini mRNA contenenti questi lipidi - sia che siano diretti contro la COVID o un altro agente patogeno o malattia - questo comporterebbe una tossicità cumulativa. C'è una reale possibilità che i lipidi cationici possano accumularsi nelle ovaie. Il grave rischio per la fertilità femminile associato a questo richiede un'attenzione urgente da parte del pubblico e delle autorità sanitarie.

Allegato

Il vaccino mRNA della Pfizer