Il numero di lesioni da vaccino COVID tra i ragazzi dai 12 ai 17 anni è in aumento?


I dati VAERS mostrano che le segnalazioni di lesioni legate all'COVID tra i ragazzi dai 12 ai 17 anni sono più che triplicate in una settimana.

Il numero di eventi avversi riportati in seguito ai vaccini COVID continua a salire, secondo i dati rilasciati oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I dati provengono direttamente dai rapporti presentati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

Sistema di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini

VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti. Le segnalazioni presentate a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata.


Ogni venerdì, VAERS rende pubbliche tutte le segnalazioni di lesioni da vaccino ricevute a partire da una data specifica, di solito circa una settimana prima della data di rilascio. I dati di oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e il 21 maggio, un totale di 262.562 eventi avversi totali sono stati segnalati a VAERS, tra cui 4.406 morti - un aumento di 205 rispetto alla settimana precedente - e 21.537 lesioni gravi, in aumento di 3.009 dalla settimana scorsa.



Dei 4.406 decessi segnalati a partire dal 21 maggio, 23% si sono verificati entro 48 ore dalla vaccinazione, 16% entro 24 ore e 38% in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione.


I dati di questa settimana hanno mostrato 3.449 eventi avversi totali, compresi 58 classificati come gravi, tra i ragazzi dai 12 ai 17 anni.


Negli Stati Uniti sono state somministrate 281,6 milioni di dosi di vaccino COVID al 21 maggio. Questo include 120 milioni di dosi del vaccino di Moderna, 152 milioni di dosi di Pfizer e 10 milioni di dosi del vaccino COVID di Johnson & Johnson (J&J).


I dati VAERS di questa settimana

  • 20% dei decessi erano legati a disturbi cardiaci.
  • 54% di coloro che sono morti erano maschi, 44% erano femmine e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del deceduto.
  • L'età media del decesso è stata di 74,4 anni e i decessi più giovani riportati comprendono due quindicenni (VAERS I.D. 1187918 e 1242573 ) e un sedicenne (VAERS I.D. 1225942). Ci sono stati altri decessi segnalati in bambini sotto i 16 anni che non hanno potuto essere confermati o contenevano errori evidenti.
  • A partire dal 21 maggio, 1.641 donne incinte hanno segnalato eventi avversi legati ai vaccini COVID, comprese 527 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro. Qui.
  • Dei 2.577 casi di paralisi di Bell riportati, 52% sono stati riportati dopo le vaccinazioni Pfizer-BioNTech, 41% dopo la vaccinazione con il vaccino Moderna e 192 casi, o 9%, di casi di paralisi di Bell sono stati riportati in collaborazione con J&J. Qui.
  • Ci sono state 238 segnalazioni di sindrome di Guillain-Barré con 43% di casi attribuiti a Pfizer, 38% a Moderna e 23% a J&J. Qui.
  • Ci sono state 74.781 segnalazioni di anafilassi con 39% di casi attribuiti al vaccino di Pfizer, 50% a Moderna e 10% a J&J. Qui.
  • Ci sono state 4.433 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue. Di queste, 1.842 segnalazioni sono state attribuite a Pfizer, 1.359 a Moderna e 1.194 a J&J. Qui.

CDC indagando problemi di cuore in adolescenti, adolescenti dopo il vaccino COVID

Il 24 maggio, The Defender ha riferito che il CDC sta indagando sui rapporti di adolescenti e giovani adulti vaccinati contro la COVID che hanno avuto problemi di cuore. Il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche d'immunizzazione ha rilasciato un avviso il 17 maggio allertando i medici sulle segnalazioni di miocardite, che sembrava verificarsi prevalentemente in adolescenti e giovani adulti, più spesso nei maschi che nelle femmine, più spesso dopo la seconda dose e tipicamente entro quattro giorni dalla vaccinazione con i vaccini Pfizer o Moderna. La maggior parte dei casi sembra essere "lieve" e il follow-up è in corso.

Il CDC ha detto che i suoi sistemi di monitoraggio non hanno trovato più casi di miocardite di quanto ci si aspetterebbe nella popolazione, ma i membri del comitato per le vaccinazioni hanno detto che gli operatori sanitari dovrebbero essere messi al corrente delle segnalazioni del "potenziale evento avverso".

La miocardite è un'infiammazione del muscolo cardiaco che può portare all'aritmia cardiaca e alla morte. Secondo la National Organization for Rare Disorders, la miocardite può derivare da infezioni, ma "più comunemente la miocardite è il risultato della reazione immunitaria del corpo al danno cardiaco iniziale". La pericardite è un'infiammazione del tessuto che circonda il cuore che può causare forti dolori al petto e altri sintomi.

Come The Defender ha riportato il 26 maggio, una settimana dopo che il CDC ha annunciato che stava indagando sulle infiammazioni cardiache nei giovani adulti vaccinati di recente, il Connecticut ha riportato 18 nuovi casi di problemi cardiaci tra gli adolescenti che avevano ricevuto un vaccino COVID. Tutti i 18 casi hanno portato all'ospedalizzazione - la maggior parte per un paio di giorni, mentre un individuo è rimasto ricoverato al 26 maggio.

L'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto durante un briefing stampa lunedì che l'amministrazione Biden continuerà a consigliare ai giovani di farsi vaccinare, nonostante i casi segnalati di miocardite.

Una ricerca in VAERS ha rivelato 419 casi di pericardite e miocardite, tra tutte le età, riportati negli Stati Uniti in seguito alla vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e il 21 maggio. Dei 288 casi riportati, 247 sono stati attribuiti a Pfizer, 151 a Moderna e 20 al vaccino COVID di J&J. Leggi qui.


Moderna cercherà l'autorizzazione della FDA per i bambini dai 12 ai 17 anni all'inizio di giugno

Il 25 maggio, Moderna ha annunciato che il suo vaccino è stato trovato sicuro e 100% efficace nel proteggere contro COVID in uno studio di fase 3 su più di 3.700 partecipanti di età compresa tra 12 e 17 anni, ha riferito Axios. Non sono stati identificati problemi di sicurezza significativi e gli effetti collaterali sono stati generalmente coerenti con quelli visti in un precedente studio sugli adulti, ha detto l'azienda.


Moderna ha in programma di chiedere un'autorizzazione d'uso d'emergenza estesa del suo vaccino COVID per gli adolescenti alla U.S. Food and Drug Administration il mese prossimo. Se approvato, sarebbe il secondo vaccino disponibile per i giovani adolescenti.


Numero di bambini ricoverati per COVID gonfiato di almeno 40%

Il 26 maggio, The Defender ha riferito che due documenti pubblicati sulla rivista Hospital Pediatrics hanno trovato ospedalizzazioni pediatriche per COVID sono state contate in eccesso di almeno 40%, portando potenziali implicazioni per le cifre nazionali utilizzate per giustificare la vaccinazione dei bambini.

Uno studio dei ricercatori della Stanford University School of Medicine ha scoperto che il conteggio delle infezioni da SARS-CoV-2 nei bambini ospedalizzati ha sovrastimato l'impatto della COVID nelle popolazioni pediatriche perché i numeri includevano molti pazienti asintomatici.



Su 117 ricoveri ospedalieri, gli autori hanno concluso che 53 pazienti (45%) sono stati ricoverati per motivi non legati al virus. Lo studio ha anche scoperto che il 39,3% (o 46 pazienti) codificati come SARS-CoV-2 erano in realtà asintomatici.

Nel secondo studio, su 146 registrazioni che elencano i pazienti come positivi per la SARS-CoV-2 dal 1 maggio 2020 al 30 settembre 2020, gli autori hanno classificato 58 pazienti (40%) come aventi una diagnosi "incidentale" - il che significa che non vi era alcuna documentazione dei sintomi COVID prima del ricovero.

Lo stesso studio ha classificato 68 pazienti, o 47%, come "potenzialmente sintomatici", che è stato definito come quando "COVID-19 non era il motivo principale per l'ammissione per questi pazienti, e COVID-19 da solo non ha richiesto direttamente l'ospedalizzazione senza la condizione concomitante".

"Il nostro obiettivo è quello di assicurarci di avere dati accurati su quanto i bambini si stiano ammalando", ha detto il dottor Alan Schroeder, professore clinico di cura critica pediatrica e di medicina ospedaliera pediatrica. "Se ci basiamo sui risultati dei test SARS-CoV-2 positivi degli ospedali, stiamo gonfiando di circa due volte il rischio reale di ospedalizzazione per la malattia nei bambini".

L'OSHA inverte bruscamente la rotta, dicendo che i datori di lavoro non saranno responsabili per le lesioni da vaccino COVID.

La Federal Occupational Safety and Health Administration (OSHA) ha rapidamente invertito la sua posizione sul richiedere alle aziende che mandano vaccini COVID di trattare le reazioni avverse come "infortuni registrabili", annunciando che non applicherà più la sua precedente decisione.

L'OSHA ha detto che ha fatto il cambiamento per evitare "l'apparenza di scoraggiare i lavoratori" dal prendere il vaccino COVID e anche perché non voleva "disincentivare gli sforzi di vaccinazione dei datori di lavoro".

Il difensore ha raggiunto l'OSHA e ha chiesto perché l'agenzia ha bruscamente cambiato la sua politica, chi ha fatto pressione sull'OSHA per cambiare la sua posizione e perché le reazioni avverse causate dai vaccini COVID che un dipendente può essere tenuto a ricevere come condizione di lavoro e che rientrerebbero nel 29 CFR 1904.7 non sarebbero registrate come un infortunio legato al lavoro.


L'OSHA ha risposto rimandandoci ai Centers for Disease Control and Prevention per saperne di più sul coronavirus, alle strutture OSHA locali e regionali e al sito web del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti. Un portavoce dell'OSHA ha rifiutato di fornire ulteriori informazioni.

Il Belgio sospende il vaccino J&J per le persone sotto i 41 anni

Il 27 maggio, The Defender ha riferito che il Belgio ha annunciato la sospensione delle vaccinazioni con il vaccino della J&J, per le persone sotto i 41 anni, in seguito alla morte di una donna per coaguli di sangue dopo aver ricevuto l'iniezione.

L'EMA sta esaminando la morte della donna insieme ad altri rapporti di coaguli di sangue, con le agenzie dei medicinali belga e slovena, e ha chiesto a J&J di effettuare una serie di studi aggiuntivi per aiutare a valutare un possibile legame tra l'iniezione e i rari coaguli di sangue.


I ricercatori collegano AstraZeneca agli ictus nei giovani adulti

Il 27 maggio, The Defender ha riportato i primi casi di ictus da occlusione arteriosa di grandi vasi in giovani adulti legati al vaccino di AstraZeneca, che sono stati descritti in dettaglio per la prima volta in una lettera pubblicata online nel Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.


I tre casi, uno dei quali è stato fatale, si è verificato in due donne e un uomo nei loro 30 o 40 anni che hanno sviluppato caratteristiche di VITT, una reazione associata con il vaccino AstraZeneca.


"Questi sono i primi rapporti dettagliati di ictus arterioso creduto causato da VITT dopo il vaccino AstraZeneca COVID, anche se l'ictus è stato menzionato in precedenza nei dati VITT", autore senior, il dottor David Werring, professore di neurologia clinica presso lo Stroke Research Centre, University College London Queen Square Institute of Neurology, ha detto Medscape Medical News.

Aumentano i decessi dovuti a coaguli di sangue del vaccino AstraZeneca

Il 27 maggio, The Defender ha riferito che un uomo dell'Ontario di 40 anni è morto dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccino AstraZeneca. La dottoressa Barbara Yaffe, capo medico associato dell'Ontario, ha detto che la sua morte è oggetto di indagine, ma l'uomo soffriva di trombocitopenia immunitaria indotta dal vaccino. L'ufficiale medico capo Dr. David Williams ha limitato le vaccinazioni AstraZeneca per le persone che non hanno ancora ricevuto la prima dose a partire dall'11 maggio, a causa di un tasso di coaguli di sangue superiore al previsto.

In Grecia, una donna di 63 anni è morta di coaguli di sangue dopo la vaccinazione con AstraZeneca. Il caso era uno dei quattro indagati dall'Organizzazione Nazionale dei Farmaci per una potenziale correlazione tra il vaccino di AstraZeneca e rari coaguli di sangue.

Il 27 maggio, The Guardian ha riferito che la premiata presentatrice radiofonica della BBC Lisa Shaw è morta dopo aver sofferto di coaguli di sangue in seguito alla vaccinazione AstraZeneca, secondo la sua famiglia. La 44enne ha sviluppato forti mal di testa una settimana dopo aver fatto il vaccino e si è ammalata gravemente pochi giorni dopo, hanno detto i parenti in una dichiarazione. Shaw è morta all'infermeria Royal Victoria il 21 maggio dopo essere stata trattata in terapia intensiva per coaguli di sangue ed emorragie.

La UK Medicines and Healthcare products Regulatory Agency ha detto che i benefici del vaccino continuano a superare i rischi per la maggior parte delle persone. Non ha provato che il vaccino causi i coaguli, ma ha detto che il legame si sta consolidando.

Come riportato da The Defender il 25 maggio, l'Agenzia europea per i medicinali sta indagando sulla morte della modella britannica Stephanie Dubois, morta per un coagulo di sangue giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccino COVID di AstraZeneca. Dubois, 39 anni, non aveva condizioni di salute sottostanti, secondo i funzionari sanitari dell'ospedale di Nicosia, dove è stata ricoverata il 14 maggio, dopo aver avuto problemi di respirazione. La modella ha subito un'emorragia cerebrale ed è stata in coma prima di morire il 21 maggio.

Il due volte arciere olimpico Haziq Kamaruddin, è morto all'età di 27 anni il 14 maggio, dopo essere crollato a casa sua giorni dopo aver ricevuto il vaccino COVID di Pfizer. Kamaruddin è morto di un'arteria coronaria bloccata, il ministero della salute ha detto sabato, aggiungendo che non c'era alcuna prova di un legame con il vaccino.

Ci sono molteplici ragioni per cui un'arteria coronaria può bloccarsi, compreso un coagulo di sangue, secondo Yale Medicine.

Come The Defender ha riferito il mese scorso, tutti e tre i vaccini autorizzati negli Stati Uniti, tra cui Pfizer, possono potenzialmente causare coaguli di sangue.


81 giorni e passa, il CDC ignora le inchieste di The Defender

Secondo il sito del CDC, "il CDC segue ogni rapporto di morte per richiedere ulteriori informazioni e imparare di più su ciò che si è verificato e per determinare se la morte è stata un risultato del vaccino o non correlato".


L'8 marzo, The Defender ha contattato il CDC con una lista scritta di domande sui decessi e le ferite segnalati relativi ai vaccini COVID. Il 19 maggio, un impiegato del CDC ha detto che le nostre domande erano state esaminate e che la nostra richiesta era in sospeso nel loro sistema, ma non ci ha fornito una copia della risposta.

Schermata di www.regulations.gov

Sono passati 81 giorni da quando abbiamo inviato la nostra prima e-mail chiedendo informazioni sui dati e i rapporti VAERS.

Children's Health Defense chiede a chiunque abbia sperimentato una reazione avversa, a qualsiasi vaccino, di fare un rapporto seguendo questi tre passi