India: Due terzi della popolazione hanno anticorpi COVID-19?


Concetto di anticorpo e immunoglobulina come anticorpi che attaccano cellule virali contagiose e agenti patogeni come illustrazione 3D.

Circa due terzi della popolazione generale hanno anticorpi COVID-19 e il 67,6% della popolazione indiana è stato esposto alla malattia, il quarto sierosondaggio condotto da ICMR durante il periodo giugno-luglio 2021 ha trovato.

La quarta indagine sierologica è stata condotta negli stessi 70 distretti; 21 Stati come i tre round precedenti. Sono stati arruolati circa 28.975 individui. La ripartizione di questo gruppo in termini di età è la seguente:

  • Età 6-9 anni: 2.892 (10%)
  • Età 10-17 anni: 5.799 (20%)
  • Più di 18 anni: 20.284 (70%)

Secondo questa indagine, circa due terzi della popolazione generale hanno anticorpi COVID-19 e il 67,6% della popolazione indiana è stato esposto alla malattia.


I risultati di uno studio pubblicato nell'International Journal of Clinical Practuce hanno trovato che c'è abbastanza letteratura disponibile per determinare che il vaccino COVID-19 aumenta il rischio di malattie più gravi e che i destinatari dovrebbero essere messi al corrente di tutti i rischi prima di essere vaccinati.

Gli scienziati hanno concluso che i vaccini possono peggiorare la malattia COVID-19 attraverso il potenziamento anticorpo-dipendente (ADE) e che i rischi sono tenuti segreti nei protocolli di sperimentazione clinica e nei moduli di consenso.

"è la vaccinazione che sta creando
le varianti".https://t.co/WoVry0IP35

- atul kulkarni (@atul_kulkarni) 22 maggio 2021


Il premio Nobel Prof. Luc Montagnier, virologo francese, in un'intervista ha fatto un'affermazione sorprendente che gli stessi vaccini COVID-19 stanno creando delle varianti. Ha detto che gli epidemiologi sanno ma sono "silenziosi" sul fenomeno, noto come "Antibody-Dependent Enhancement" (ADE).


Qual è la tua reazione?

confused confused
2
confused
fail fail
1
fail
love love
3
love
lol lol
0
lol
omg omg
2
omg
win win
1
win