E-Book di ricerca globale: Qual è lo scopo della crisi mondiale di Corona?


Crisi dell'economia, Uomo d'affari con maschera, Analisi impatto economico del virus corona, Crisi d'affari e condizioni finanziarie di mercato nel globale Effetti dell'epidemia e pandemia covid-19, Le azioni cadono.

La crisi mondiale della Corona del 2020: Distruzione della società civile, depressione economica architettata, colpo di stato globale e il "Grande Reset".

E-Book di ricerca globale, Centro di ricerca sulla globalizzazione (CRG). Questo e-book consiste in una prefazione e dieci capitoli.

In evidenza

Siamo al crocevia di una delle crisi più gravi della storia mondiale. Stiamo vivendo la storia, eppure la nostra comprensione della sequenza degli eventi dal gennaio 2020 è sfocata.

In tutto il mondo, le persone sono state ingannate sia dai loro governi che dai media sulle cause e sulle conseguenze devastanti della "pandemia" Covid-19.

La verità non detta è che il nuovo coronavirus fornisce un pretesto e una giustificazione a potenti interessi finanziari e politici corrotti per precipitare il mondo intero in una spirale di disoccupazione di massa, bancarotta, povertà estrema e disperazione.

Più di 7 miliardi di persone nel mondo sono direttamente o indirettamente colpite dalla crisi della corona.

L'"emergenza" di salute pubblica COVID-19 sotto gli auspici dell'OMS è stata presentata all'opinione pubblica come un mezzo ("soluzione") per contenere il "virus killer".

Se il pubblico fosse stato informato e rassicurato sul fatto che il Covid è (secondo la definizione dell'OMS) "simile all'influenza stagionale", la campagna di paura sarebbe caduta nel vuoto. L'lockdown e la chiusura dell'economia nazionale sarebbero stati rifiutati del tutto.

La prima fase di questa crisi (fuori dalla Cina) è stata lanciata dall'OMS il 30 gennaio 2020, quando c'erano 5 casi negli Stati Uniti, 3 in Canada, 4 in Francia, 4 in Germania.

Questi numeri giustificano la dichiarazione di un'emergenza sanitaria mondiale?

Screen Shot 2020 10 10 at 14.09.31 768x181 1

La campagna di paura è stata sostenuta da dichiarazioni politiche e dalla disinformazione dei media.

La gente è spaventata. Sono incoraggiate a fare il test PCR, che è difettoso. Un test PCR positivo non significa che si è infettati e/o che si può trasmettere il virus.

Il test RT-PCR è noto per produrre un'alta percentuale di falsi positivi. Inoltre, non identifica il virus.

Fin dall'inizio, nel gennaio 2020, non c'era alcuna "base scientifica" per giustificare il lancio di un'emergenza sanitaria mondiale.

A febbraio, la crisi del covid è stata accompagnata da un grande crollo dei mercati finanziari. Ci sono prove di frode finanziaria.

E l'11 marzo 2020: l'OMS dichiarò ufficialmente una pandemia mondiale quando c'erano 44.279 casi e 1440 morti fuori dalla Cina su una popolazione di 6,4 miliardi (Stime dei casi confermati basate sul test PCR).

Immediatamente dopo l'annuncio dell'11 marzo 2020 dell'OMS, le istruzioni di confinamento e lockdown sono state trasmesse ai 193 stati membri delle Nazioni Unite.

Senza precedenti nella storia, applicato quasi simultaneamente in un gran numero di paesi, interi settori dell'economia mondiale sono stati destabilizzati. Le piccole e medie imprese sono state portate alla bancarotta. La disoccupazione e la povertà sono dilaganti.

Gli impatti sociali di queste misure non solo sono devastanti, ma sono in corso sotto quello che viene descritto come "Una seconda ondata". Non ci sono prove di una "Seconda Onda". Ampiamente documentate le stime del PCR sono errate.

Gli impatti sulla salute (mortalità, morbilità) derivanti dalla chiusura delle economie nazionali superano di gran lunga quelli attribuiti all'Covid-19.

Le carestie sono scoppiate in almeno 25 paesi in via di sviluppo, secondo fonti delle Nazioni Unite. Leggi qui.

La salute mentale di milioni di persone in tutto il mondo è stata colpita a causa dell'lockdown, dell'allontanamento sociale, della perdita del lavoro, dei fallimenti, della povertà di massa e della disperazione. La frequenza dei suicidi e della tossicodipendenza è aumentata in tutto il mondo.

Si dice che "V il virus" sia responsabile dell'ondata di fallimenti e disoccupazione. Questa è una bugia. Non c'è nessuna relazione causale tra il virus (microscopico) SARS-2 e le variabili economiche.

Sono i potenti finanzieri e miliardari che stanno dietro questo progetto che ha contribuito alla destabilizzazione (mondiale) dell'economia reale. E ci sono ampie prove che la decisione di chiudere un'economia nazionale (con conseguente povertà e disoccupazione) avrà inevitabilmente un impatto sui modelli di morbilità e mortalità.

Dall'inizio di febbraio 2020, i super ricchi hanno incassato miliardi di dollari.

Ampiamente documentata è la più grande ridistribuzione di ricchezza globale nella storia del mondo, accompagnata da un processo di impoverimento mondiale.

La campagna della paura è servita come strumento di disinformazione.

Nel corso degli ultimi undici mesi a partire dall'inizio di gennaio, ho analizzato quasi quotidianamente la linea temporale e l'evoluzione della crisi di Covid. Fin dall'inizio, nel gennaio 2020, la gente è stata portata a credere e ad accettare l'esistenza di un'epidemia in rapida progressione e pericolosa.

Le bugie dei media hanno sostenuto l'immagine di un virus assassino che inizialmente ha contribuito a destabilizzare il commercio USA-Cina e a interrompere i viaggi aerei. E poi in febbraio "V-il virus" (che per inciso è simile all'influenza stagionale) è stato ritenuto responsabile dell'innesco della più grave crisi finanziaria della storia mondiale.

E poi l'11 marzo, un lockdown è stato imposto a 193 stati membri delle Nazioni Unite, portando alla "chiusura" delle economie nazionali in tutto il mondo.

A partire da ottobre, è stata annunciata una "seconda ondata". "La pandemia non è finita".

La campagna della paura prevale. E la gente è portata a credere che il vaccino corona sponsorizzato dai loro governi sia la "soluzione". E che la "normalità" sarà ripristinata quando tutta la popolazione del pianeta sarà stata vaccinata.

Una parola sul vaccino SARS-CoV-2

Come mai un vaccino per il virus SARS-CoV-2, che in condizioni normali richiederebbe anni per essere sviluppato, è stato prontamente lanciato all'inizio di novembre 2020? Il vaccino annunciato da Pfizer si basa su una tecnologia sperimentale di editing genico dell'mRNA che ha a che fare con il genoma umano.

 

Sono stati condotti i test di laboratorio standard sugli animali utilizzando topi o furetti?

O la Pfizer è passata direttamente alle "cavie" umane? I test umani sono iniziati a fine luglio e inizio agosto. "Tre mesi sono inauditi per testare un nuovo vaccino. Diversi anni sono la norma".

photo5174884114040465725 1 1

Appena riportato dai media: "Sei persone sono morte nella sperimentazione in fase avanzata del vaccino COVID-19 della Pfizer, la FDA ha rivelato poche ore dopo che la Gran Bretagna è diventata il primo paese al mondo a lanciare il vaccino".

 

"State tranquilli", il vaccino è "sicuro". Secondo la FDA:

Si dice che le morti non sollevino nuovi problemi di sicurezza o domande sull'efficacia del vaccino".

E perché abbiamo bisogno di un vaccino per la Covid-19 quando sia l'OMS che il Center for Disease Control and Prevention (CDC) statunitense hanno confermato inequivocabilmente che la Covid-19 è "simile all'influenza stagionale".

Il piano per sviluppare un vaccino è guidato dal profitto. È sostenuto da governi corrotti che servono gli interessi di Big Pharma. Il governo degli Stati Uniti aveva già ordinato 100 milioni di dosi a luglio e l'UE deve acquistare 300 milioni di dosi. È Big Money per Big Pharma, generose tangenti a politici corrotti, a spese dei contribuenti.

Capitoli di libri

Nei capitoli seguenti, definiamo il virus SARS-CoV-2 e il controverso test RT-PCR che viene utilizzato per "identificare il virus", nonché stabilire le "stime" dei cosiddetti "casi positivi" (Capitolo II).

Nel Capitolo III, esaminiamo in dettaglio la linea temporale degli eventi da ottobre 2019 che portano allo storico 11 marzo 2020 lockdown.

Valutiamo le ampie conseguenze economiche e sociali di questa crisi, compreso il processo di impoverimento mondiale e la ridistribuzione della ricchezza a favore dei super ricchi miliardari (capitolo IV e V).

Il programma di vaccinazione di Big Pharma che dovrebbe essere imposto a milioni di persone in tutto il mondo è esaminato nel capitolo VII.

Il capitolo IX si conclude con un'analisi del "Grande Reset" proposto dal Forum Economico Mondiale che, se adottato, consisterebbe nel demolire il Welfare State e imporre massicce misure di austerità a una popolazione impoverita.

Questo E-Book è preliminare. C'è un senso di urgenza. Le persone in tutto il mondo sono state ingannate dai loro governi.

Una parola sulla metodologia: il nostro obiettivo è quello di confutare la "Grande Bugia" attraverso un'attenta analisi che consiste in:

  • Una panoramica storica della crisi di Covid,
  • Analisi scientifica e revisione dettagliata di dati, stime e definizioni "ufficiali",
  • Analisi degli impatti delle "linee guida" dell'OMS e delle politiche governative sulle variabili economiche, sociali e di salute pubblica.

Il nostro obiettivo è informare le persone in tutto il mondo e confutare la narrazione ufficiale che è stata usata come pretesto e giustificazione per destabilizzare il tessuto economico e sociale di interi paesi.

Questa crisi colpisce l'umanità nella sua totalità: 7,8 miliardi di persone. Siamo solidali con i nostri simili in tutto il mondo. La verità è uno strumento potente.

Rimango in debito con i nostri lettori e con il team di Global Research.

Michel Chossudovsky, Global Research, 11 dicembre 2020 (rivisto il 15 dicembre, 21 dicembre, 28 dicembre 2020)

Spargete la voce. Si prega di inoltrare questo testo ad amici e colleghi

L'autore

8

Michel Chossudovsky è un autore premiato, professore di economia (emerito) all'Università di Ottawa, fondatore e direttore del Centre for Research on Globalization (CRG), Montreal, editore di Global Research.

Ha intrapreso ricerche sul campo in America Latina, Asia, Medio Oriente, Africa sub-sahariana e Pacifico e ha scritto molto sulle economie dei paesi in via di sviluppo con particolare attenzione alla povertà e alla disuguaglianza sociale. Ha anche intrapreso ricerche in economia sanitaria (Commissione economica delle Nazioni Unite per l'America Latina e i Caraibi (ECLAC), UNFPA, CIDA, OMS, governo del Venezuela, John Hopkins International Journal of Health Services (1979, 1983)

È autore di undici libri tra cui La globalizzazione della povertà e il nuovo ordine mondiale (2003), La "guerra al terrorismo" dell'America (2005), La globalizzazione della guerra, la lunga guerra dell'America contro l'umanità (2015).

È un collaboratore dell'Enciclopedia Britannica. I suoi scritti sono stati pubblicati in più di venti lingue. Nel 2014, è stato premiato con la Medaglia d'Oro al Merito della Repubblica di Serbia per i suoi scritti sulla guerra di aggressione della NATO contro la Jugoslavia. Può essere raggiunto all'indirizzo crgeditor@yahoo.com

Vedi Michel Chossudovsky, Nota biografica

Articoli di Michel Chossudovsky sulla ricerca globale