Gli scienziati tedeschi hanno scoperto come le parti rotte dei vaccini COVID-19 mutano per provocare coaguli di sangue?


Gli scienziati tedeschi hanno scoperto come le parti rotte dei vaccini Johnson & Johnson e AstraZeneca COVID-19 marchiati come Covishield in India mutano per innescare coaguli di sangue nei destinatari. Gli scienziati dicono che il vaccino viene inviato nel nucleo della cellula invece che nel fluido circostante, dove parti di esso si rompono e creano versioni mutate di se stessi. Le versioni mutate poi entrano nel corpo e innescano i coaguli di sangue.

Vaccini legati a disturbi della coagulazione del sangue

Due vaccini, uno prodotto da Oxford-AstraZeneca con il marchio Covishield in India e l'altro da Johnson & Johnson, sono stati collegati a disturbi della coagulazione del sangue, soprattutto tra le donne sotto i 50 anni.

In precedenza, gli scienziati tedeschi hanno trovato l'esatto processo di 2 fasi in cui il vaccino COVID-19 causa coaguli di sangue nei destinatari. Essi descrivono una serie di eventi che devono accadere nel corpo prima che i vaccini creino questi grandi coaguli.

Ora, i ricercatori della Goethe-University di Francoforte e dell'Università di Ulm, a Helmholtz, hanno trovato il problema che dicono sta nel vettore adenovirus - un comune virus del raffreddore utilizzato così entrambi i vaccini possono entrare nel corpo.

Gli scienziati credono che in alcune persone, il sistema immunitario vede il vaccino come una minaccia e produce eccessivamente anticorpi per combatterlo. Questi portano alla formazione di grumi nel sangue, che possono diventare mortali se i coaguli si muovono verso gli organi vitali e tagliano l'alimentazione.

La complicazione ha spinto molti paesi a sospendere o vietare questi vaccini.

Inefficacia ed effetti negativi

I ministri tedeschi hanno affermato che il jab non ha funzionato affatto nelle persone anziane e il francese Emmanuel Macron ha definito il vaccino "quasi efficace".

Il dottor Rolf Marschalek, professore di biochimica alla Goethe University in Germania, ha detto al Financial Times che i coaguli di sangue possono essere causati dal modo in cui il vaccino entra nel corpo. Leggi qui.

Il dottor Marschalek suggerisce che il vaccino è consegnato al nucleo della cellula - un blob di DNA nel mezzo - piuttosto che al fluido intorno ad esso che agisce come una fabbrica di proteine.

Pezzi di proteine del coronavirus che entrano nel nucleo possono rompersi e i frammenti insoliti vengono poi espulsi nel flusso sanguigno, dove possono innescare la coagulazione nelle persone, ha detto il dottor Marschalek.

I primi coaguli ad allarmare le persone sono stati quelli che appaiono nelle vene vicino al cervello degli adulti più giovani in una condizione chiamata CSVT (trombosi venosa del seno cerebrale).

Un altro studio scioccante ha rivelato i terrificanti pericoli anche dei vaccini mRNA COVID-19 che inducono una malattia basata sui prioni che fa degenerare progressivamente il cervello.

I prioni indotti dal vaccino mRNA possono causare malattie neurodegenerative perché le memorie a lungo termine sono mantenute da proteine simili ai prioni. Lo studio ha concluso che il vaccino a base di mRNA può anche causare la SLA, la degenerazione lobare temporale anteriore, il morbo di Alzheimer e altre malattie neurologiche degenerative nei destinatari del vaccino.

Nel frattempo, il virologo francese premio Nobel Prof. Luc Montagnier in un'intervista ha fatto un'affermazione sorprendente che i vaccini COVID-19 stessi stanno creando varianti.

Ha detto che gli epidemiologi sanno ma sono "silenziosi" sul fenomeno, noto come "Antibody-Dependent Enhancement" (ADE).