Paura... ancora e ancora?


"Errare humanum est, perseverare diabolicum". Questo significa: "Errare è umano, perseverare nell'errore è diabolico", frase attribuita al filosofo greco Seneca.

I governi hanno sempre lo stesso schema anti-COVID

Quando si osserva il comportamento dei nostri governi, soprattutto in Belgio, viene subito in mente questa frase.

In Belgio, Francia, Quebec o Canada, i paesi più ossessionati dalla certezza che solo l'iniezione di RNA/DNA, considerata come una vaccinazione, può salvare la popolazione dalla SARS-CoV-2 e dalle sue varianti, troviamo sempre lo stesso schema anti-COVID:

  • Paura
  • Senso di colpa
  • La certezza di essere nel giusto

Quello che sta succedendo qui è esattamente quello che sta succedendo in Francia, in Quebec, in Canada e in tutti i paesi che possono solo proporre questa iniezione di RNA/DNA per la loro popolazione come soluzione alla crisi.

In Francia, i ministri e gli esperti si chiamano Frank Vandenbroucke (ministro della salute), Elio Di Rupo (primo ministro vallone), Marc Van Ranst, Emmanuel André (virologi che consigliano il governo), così come in Quebec François Legault (primo ministro), in Canada Justin Trudeau (primo ministro) o in Francia Jean Castex (primo ministro) e Olivier Véran (ministro della salute).

Solo i volti e le espressioni facciali cambiano, per il resto tutto è uguale, le stesse parole, lo stesso comportamento, le stesse istruzioni:

  • Mantenere le distanze
  • Indossare le maschere
  • Fatti vaccinare
  • Avere paura

Così, in un giornale belga del 21 ottobre, il signor Vandenbroucke esorta la gente a "prepararsi alla quarta ondata" [1].

In questo editoriale si chiedono: "Il Belgio è pronto per una quarta ondata? [2].

Elio Di Rupo si arrabbia e insiste sulla necessità di essere vaccinato, perché per lui "morire gratis è morire" [3].

Bisogna dire che la terza dose del vaccino qui non attira le masse [4].

Dall'aprile 2020, i nostri "specialisti" hanno seguito le orme del governo, se non l'hanno battuto sul tempo, per avvertirci, per dirci che è tutt'altro che finita, per tenere il fuoco sotto il sedere e per tenerci nella paura di questi virus decisamente persistenti.

Altri professionisti, medici clinici, in un assordante silenzio mediatico, ci ricordano che la paura è molto dannosa per il sistema immunitario.

La paura paralizza i nostri globuli bianchi e inibisce le nostre risposte immunitarie adattative.

Questi dovrebbero essere stimolati da quelle che sono chiamate frettolosamente iniezioni di RNA/DNA del vaccino.

Stimolare da un lato, inibire dall'altro

La psico-neuro-endocrino-immunologia (PNEI), un campo medico che si sta sviluppando in modo esponenziale, si occupa da tempo delle interazioni tra i sistemi nervoso, endocrino (ormonale) e immunitario, sottolineando le profonde influenze reciproche tra questi sistemi fondamentali del corpo umano [5].

Numerosi studi dimostrano che lo stress cronico può sopprimere risposte immunitarie adeguate e/o esacerbare risposte immunitarie inadeguate ed eccessive [6].

Le forme gravi di COVID sono precisamente caratterizzate da una reazione immunitaria eccessiva, che arriva fino a una tempesta di citochine devastante per i nostri organi.

Da marzo 2020, per 19 mesi, i nostri governi e i loro consiglieri, rilanciati dai nostri giornalisti, sottolineano e hanno decisamente solo queste armi per trasmettere un messaggio alle popolazioni: paura, minaccia, avvertimento.

Usano e abusano dello stress, che è diventato cronico, permanente e senza fine, ed è molto più deleterio per la nostra immunità che il virus stesso [7-8-9-10].

Dopo 19 mesi, è certo che questi funzionari governativi, consulenti scientifici e giornalisti non cambieranno, e che, a meno che non siano sostituiti da persone più competenti e informate, siamo condannati a sopportare le loro previsioni angoscianti e il loro mantra compulsivo: "vaccinatevi", per molto tempo ancora.

Non pensano, dopo che una così grande percentuale della popolazione belga è stata iniettata con i loro prodotti (più di 80%), che potrebbero essersi sbagliati dopo tutto?

Non possono nemmeno considerare che questa costrizione alla "vaccinazione" [11] è l'origine del problema, attraverso la selezione di varianti più aggressive e la facilitazione dell'infezione da parte degli anticorpi [12]?

La gente, i popoli, hanno diritto a qualcosa di diverso da questi discorsi ansiosi e ripetitivi di oggi.

Dopo 19 mesi, si devono considerare altre vie e la gente ha il diritto di sapere che ci sono altre vie, come molti medici stanno dicendo nonostante la censura, nonostante i pericoli, nonostante le minacce di morte o di perdere il lavoro.

La verità non ha prezzo e trova sempre la sua strada

Il trattamento per la COVID, anche se è grave, esiste e si chiama ivermectina.

L'assunzione di ivermectina impedirebbe l'insorgere di forme sintomatiche e ridurrebbe notevolmente la progressione verso forme gravi, alleggerendo così il peso sugli ospedali e sulle unità di terapia intensiva.

Per qualche ragione "sconosciuta", non è "permesso" parlarne.

"Per esempio, a Wikipedia non è permesso menzionare le meta-analisi peer-reviewed della dottoressa Tess Lawrie o del dottor Pierre Kory pubblicate sull'American Journal of Therapeutics. Wikipedia non è autorizzata a pubblicare la recente meta-analisi sull'ivermectina scritta dal dottor Andrew Hill. Inoltre, non è permesso dire nulla su ivmmeta che mostra i 61 studi che coinvolgono 23.000 pazienti che mostrano fino a 96% riduzione dei decessi [profilassi] con l'ivermectina". [13]

Non siamo autorizzati a spiegare alla gente come l'ivermectina ha contenuto la pandemia COVID in India o in Africa.

La letteratura scientifica seria supporta queste affermazioni, ecco un esempio:

La letteratura recensita suggerisce che sembrano esserci prove sufficienti per la sicurezza dell'ivermectina orale, così come l'efficacia del farmaco nel trattamento precoce e nella profilassi della COVID-19.

(La letteratura recensita suggerisce che sembrano esserci prove sufficienti sulla sicurezza dell'ivermectina orale, così come l'efficacia del farmaco nel trattamento precoce e nella profilassi della COVID-19).

 

Considerando l'urgenza dell'attuale pandemia COVID-19, il rilevamento simultaneo di vari nuovi ceppi mutanti e il potenziale riemergere di nuovi coronavirus, il repurposing di farmaci approvati come l'ivermectina può meritare particolare attenzione.

(Considerando l'urgenza della pandemia COVID-19 in corso, il rilevamento simultaneo di vari nuovi ceppi mutanti e il futuro potenziale riemergere di nuovi coronavirus, repurposing di farmaci approvati come Ivermectin potrebbe essere degno di attenzione).

 

L'ivermectina gioca un ruolo in diversi meccanismi biologici, quindi potrebbe servire come un potenziale candidato per il trattamento di una vasta gamma di virus, tra cui COVID-19 così come altri tipi di virus RNA positivo a singolo filamento.

(Ivermectin gioca un ruolo in diversi meccanismi biologici, quindi potrebbe servire come un potenziale candidato nel trattamento di una vasta gamma di virus tra cui COVID-19 così come altri tipi di virus RNA a filamento singolo positivo-senso).

 

Ivermectina come potenziale trattamento per COVID-19

(Ivermectina come potenziale trattamento per COVID-19)

 

L'ivermectina è anche studiata nel cancro:

È interessante notare che l'ivermectina può anche inibire le cellule staminali tumorali e invertire la resistenza ai farmaci. Ha un effetto ottimale se usato in combinazione con altri farmaci chemioterapici.

(È interessante notare che l'ivermectina può anche inibire le cellule staminali tumorali e invertire la resistenza ai farmaci, ed esercita l'effetto ottimale quando viene usata in combinazione con altri farmaci chemioterapici).

 

Cancro al seno :

 

Se abbiamo paura dell'ivermectina per qualche pericolo immaginario, allora dovremmo davvero avere paura della penicillina e dell'aspirina.

E il paracetamolo, ancora di più!

Chi ha paura dell'ivermectina, allora scappi dal paracetamolo!

Dall'inizio della sua prescrizione negli esseri umani (anni 1980), con 4 miliardi di prescrizioni umane al suo attivo, l'ivermectina ha salvato la vita di centinaia di milioni di persone!

L'ivermectina non ha mai ucciso nessuno, a differenza della penicillina, dell'aspirina o del paracetamolo: shock anafilattico, shock emorragico o grave insufficienza epatica ti minacciano se prendi la penicillina, l'aspirina o il paracetamolo.

Con Ivermectin?

Quasi niente, nessun pericolo.

Sì, si può guarire in due giorni di COVID, questa è la mia esperienza clinica sul campo.

Conosco un giovane che è stato ricoverato con una maschera di ossigeno 100%. Stava per essere intubato e trasferito in terapia intensiva.

Dopo due dosi di ivermectina orale, è stato svezzato dall'ossigeno e ha potuto tornare a casa.

So di decine di casi in cui la COVID dall'aspetto grave è migliorata senza bisogno di ricovero dopo aver preso da 2 a 5 dosi di ivermectina (12 mg per dose orale).

E il glutatione?

È il re degli antiossidanti [14]. 81.000 articoli scientifici sostengono il suo ruolo di protettore del corpo, in particolare dell'immunità.

Cosa aspettano i nostri governi, visto che pensano di essere i nostri medici di base, e questi consiglieri ed esperti a spingerci a prendere il glutatione, soprattutto in previsione delle onde e dell'inverno?

Tanto più che i ricercatori hanno dimostrato che i prodotti sperimentali RNA/DNA chiamati "vaccini anti-COVID", che ora vengono scoraggiati dal creatore di questa tecnologia [15]causano un forte stress ossidativo con un invecchiamento cellulare accelerato, soprattutto delle cellule immunitarie [16].

Aumentare le nostre riserve di glutatione dovrebbe essere la nostra priorità, piuttosto che bloccare la sua produzione prendendo del paracetamolo!

Dovremmo prendere 1 Gr di glutatione al giorno, in due dosi e in capsule gastroresistenti, o glutatione liposomiale in combinazione con vitamina C liposomiale.

È ora di risvegliare il medico che c'è in tutti noi [17]Come i greci di un tempo che veneravano Enea, sorella di Panacea e figlia di Esculapio, il dio della medicina.

Enea sussurrava all'orecchio di tutti i consigli di buon senso per rimanere in salute: riposo, igiene di vita, buon cibo, pulizia, natura, meditazione, uso di piante e medicina naturale.

Tuttavia, è un medico intensivista, un anestesista specializzato in tutti i tipi di tecniche e medicine che ti spinge in questa direzione.

Lasciate la strada consigliata dai nostri governi, dai loro consiglieri e dai loro giornalisti: la strada della paura, dell'ossessione per i vaccini, dell'isolamento sociale, della mancanza di respiro e dello stress senza fine.

Meritate di meglio e, soprattutto, meritate risposte reali, soluzioni reali:

  • Aumenta la tua immunità e i livelli di antiossidanti: vitamina C, zinco, selenio e, soprattutto, glutatione.
  • Trattare COVID con ivermectina eventualmente combinata con azitromicina.
  • Evita il paracetamolo, che blocca il glutatione, e gli inibitori della pompa protonica, che alterano il tuo microbiota (tutti i batteri utili del tuo intestino).
  • Fate una passeggiata nella natura viva e fate un respiro profondo.

Note

[1] Frank Vandenbroucke invita a "prepararsi alla quarta onda": le reazioni - Le Soir

[2] Il Belgio è pronto per una quarta ondata? Le misure prese regione per regione

[3] L'epidemia ricomincia, Elio Rupo si arrabbia e insiste sulla necessità di essere vaccinati: "Morire liberi è morire"

[4] La terza dose del vaccino non attira le folle: "I belgi francofoni a rischio non seguono ancora..."

[5] PSICO-NEURO-ENDOCRINO-IMMUNOLOGIA

[6] Effetti dello stress sulla funzione immunitaria: il buono, il cattivo e il bello 

[7] Una sinfonia neuro-endocrino-immunitaria 

[8] Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia: Un concetto psicobiologico

[9] Stress e immunità: una revisione in psiconeuroimmunologia

[10] Come gli stress psicologici ci fanno ammalare fisicamente 

[11] Ci saranno presto "vaccini" mRNA nel vostro piatto? - L'agenda globale per vaccinare ogni uomo, donna e bambino sta arrivando nel vostro piatto.

[12] Fenomeni di facilitazione anticorpale dell'infezione (ADE) e Covid-19 - Salute e Benessere - Visti i dati precedenti sui molteplici tentativi di vaccinazione contro Sras-CoV-1 e Mers-CoV falliti a causa di fenomeni di ADE in modelli animali, è ragionevole supporre un simile rischio di ADE per anticorpi e vaccini contro Sras-CoV-2.

[13] Silenzio totale su come l'ivermectina ha eliminato la covid-19 in India

[14] Glutatione, re degli antiossidanti - Più di cento anni di ricerca e 81.000 articoli scientifici hanno stabilito che il glutatione è una delle molecole protettive più importanti del corpo, anche a livello immunitario, che alimenta indirettamente.

[15] Robert Malone, pioniere dei "vaccini mRNA", dice che "la proteina nativa Spike è tossica" - Salute & Benessere - Nella prima parte di questo video, Robert Malone entra nel dettaglio della sua carriera di scienziato e della storia dell'invenzione di questa tecnologia RNA messaggero 30 anni fa. Sulla sicurezza di [questi] "vaccini", afferma che non è la tecnologia di [questi] "vaccini" il problema, ma la proteina nativa Spike che è tossica. Si rammarica che il rapporto beneficio/rischio non sia stato calcolato per ogni categoria della popolazione e chiede prove e non opinioni da parte delle varie autorità di regolamentazione dopo essere stato informato delle varie tossicità, in particolare cardiache.

[16] Walter Chesnut: "Le iniezioni anti-Covid accelerano l'invecchiamento e saranno ancora più mortali se ripetute" - Salute e Benessere - I prodotti sperimentali chiamati "vaccini" anti-Covid-19 distruggono la telomerasi delle persone proprio come fa la chemioterapia, accelerandone l'invecchiamento.

[17] È ora di risvegliare il tuo medico interiore - Molti test di valutazione ti insegneranno come diagnosticare te stesso e diventare il tuo medico personale, un individuo che si fa carico della sua salute e non solo una vittima della malattia. Tu non sei la malattia. È ovvio che abbiamo a disposizione tutte le risorse per uscire da questo periodo di confusione. Dobbiamo solo ricordarlo e aspirare a connetterci con esso!