Il test PCR Covid è stato sviluppato senza campioni Covid isolati per la calibrazione del test?


image 4 e1631020198509

Il documento della FDA ammette che il test PCR "Covid" è stato sviluppato senza campioni Covid isolati per la calibrazione del test, ammettendo così che testa qualcosa di diverso.

Il documento pubblicato dalla FDA ammette apertamente

Un documento appena rilasciato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ammette apertamente che il famigerato test PCR per il coronavirus Wuhan (Covid-19) non è stato sviluppato con campioni reali del virus cinese, ma con materiale genetico che sembra essere da un comune virus del raffreddore.

 

Poiché l'influenza Fauci in tutte le sue "varianti" non è stata ancora isolata in modo appropriato, la FDA ha invece utilizzato virus ordinari del raffreddore/influenza per produrre test PCR - il che significa che chiunque risulti "positivo" ai germi cinesi è in realtà positivo solo all'influenza stagionale.

Questo, naturalmente, spiegherebbe perché l'influenza è scomparsa nel 2020, dato che a tutti quelli che si sono ammalati è stata diagnosticata la "covid". Molti lo hanno detto fin dall'inizio e sono stati chiamati "teorici della cospirazione", ma ora la FDA ammette che l'intera faccenda era una frode fin dall'inizio.

Il documento della FDA afferma chiaramente che il materiale genetico dell'influenza stagionale comune è stato usato come marcatore nei kit di test PCR perché le agenzie sapevano che molte persone sarebbero risultate "positive" per esso, il che ha permesso loro di usare quei risultati per fare la dichiarazione "Covid".

È una lettura un po' lunga, ma guardate voi stessi e riconoscete la frode evidente. Non c'è nessun test rispettabile che possa provare accuratamente la presenza dell'influenza Fauci, e questa è la pistola fumante. Dal documento:

Dal momento che nessun virus isolato quantificato del 2019-nCoV era disponibile per l'uso da parte del CDC al momento in cui il test è stato sviluppato e questo studio è stato condotto, i test progettati per il rilevamento dell'RNA del 2019-nCoV sono stati testati con stock caratterizzati di RNA completo trascritto in vitro (gene N; accession GenBank: MN908947.2) di titolo noto (copie di RNA/µL), inseriti in un diluente costituito da una sospensione di cellule umane A549 e mezzo di trasporto virale (VTM) per imitare il campione clinico.

Un'altra rivelazione nel documento è l'ammissione della FDA che i risultati dei test sono "messi insieme" per produrre numeri che sono imprecisi. La FDA sta letteralmente fabbricando dati come parte della narrazione plandemica, ed è tutto rivelato nel documento.

I test PCR fraudolenti sono usati per spingere il genocidio dei vaccini

Ciò che tutto questo dimostra è che la narrativa plandemica, come è stata diffusa nell'ultimo anno e mezzo, è artificiosa e falsa. Ciò che la gente sta veramente testando "positivo" rimane sconosciuto, o è solo l'influenza comune, perché i test sono intrinsecamente fraudolenti.

Se più persone dessero semplicemente un'occhiata più da vicino ai fatti, forse potremmo mettere un freno all'agenda del genocidio dei vaccini del governo, che mira a vaccinare forzatamente tutti contro la loro volontà sotto la copertura di una "emergenza" di salute pubblica.

Anche se non siamo ancora a quel punto, il regime di Biden sta andando avanti a tutta velocità con i piani per privare gli americani del lavoro, dell'istruzione e persino del cibo se rifiutano di prendere un vaccino per aiutare a "salvare vite".

Siamo a un bivio come società, dove è il momento di decidere se permetteremo a questo tipo di fascismo medico di persistere, o se finalmente diremo no alla tirannia del governo.

Specialmente per quanto riguarda i bambini, ciò che il governo sta spingendo usando questi test PCR fraudolenti come supporto non è altro che un genocidio. E se non lo fermiamo, alla fine ci colpirà tutti.

"Se il vaccino funziona, allora i vaccinati dovrebbero essere protetti dal resto di noi", ha giustamente sottolineato uno dei nostri commentatori. "Se i vaccinati contraggono ancora il virus o qualsiasi variante, allora il vaccino non funziona, quindi perché insistono che io lo prenda?".

"Se dicono che stanno prendendo le varianti da noi non vaccinati, che prove hanno per sostenerlo? Come possono dire con certezza che non l'hanno presa da un'altra persona vaccinata? Non possono. Visto che i vaccinati possono contrarla, devono anche essere in grado di diffonderla".