Inghilterra: È vero che la gente è morta dopo aver ricevuto il vaccino?


I pericoli della vaccinazione contro il coronavirus. Concetto di effetti collaterali nocivi. Dottore tiene una fiala di vaccino con un cartello di avviso di tossicità.

Il governo britannico riferisce che più di 240 persone sono morte poco dopo la vaccinazione contro il coronavirus. Leggi qui. I cittadini britannici che sono morti dopo la vaccinazione avrebbero ricevuto il vaccino di Pfizer/BioNTech o quello di AstraZeneca. Questi candidati vaccini sono stati approvati dal regolatore britannico e successivamente utilizzati in campagne di vaccinazione di massa. Nonostante questo, il governo britannico dice di non credere che i vaccini siano responsabili delle morti.

Effetti collaterali del vaccino

In un rapporto dettagliato pubblicato l'11 febbraio, il governo britannico ha dettagliato tutti gli effetti collaterali segnalati sia dagli operatori sanitari che dagli stessi destinatari del vaccino COVID-19. La portata del rapporto comprendeva tutti i casi tra l'inizio di dicembre 2020 e la fine di gennaio 2021. Leggi qui.

Secondo l'annuncio, la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) ha ricevuto 143 segnalazioni di reazioni avverse attribuibili al vaccino di Pfizer/BioNTech. Ci sono state 90 reazioni avverse segnalate per il vaccino di AstraZeneca, che è prodotto in collaborazione con l'Università di Oxford. Ci sono state tre reazioni in cui la marca del vaccino non è stata nominata. Inoltre, un totale di otto aborti sono stati riportati dopo la vaccinazione COVID-19 - cinque per il vaccino di Pfizer/BioNTech e tre per il candidato di AstraZeneca.

Morti legate al vaccino

Per monitorare ulteriormente la sicurezza del vaccino in parallelo con la vaccinazione di massa, la MHRA ha introdotto uno schema Yellow Card per raccogliere le segnalazioni di sospette reazioni avverse. Più di 20.000 segnalazioni Yellow Card sono state associate al vaccino di Pfizer/BioNTech. Ci sono stati 11.748 rapporti Yellow Card per il vaccino di AstraZeneca, che è stato lanciato il 4 gennaio dello scorso anno. In 72 rapporti, la marca del vaccino non è stata specificata.

Le persone anziane o con malattie sottostanti hanno rappresentato la maggior parte delle segnalazioni. Tuttavia, il governo ha detto che nessuno dei due vaccini ha giocato un ruolo nelle morti, sulla base di una revisione dei rapporti individuali e dei modelli di segnalazione.

Il rapporto ha menzionato che per entrambi i vaccini, la stragrande maggioranza ha riportato reazioni al sito di iniezione, come braccia doloranti e sintomi generali. Questi sintomi generali includevano mal di testa, brividi, stanchezza, febbre, vertigini e dolori muscolari. Questi si verificano poco dopo la vaccinazione e non sono associati a malattie più gravi. Tuttavia, sono state riportate anche "reazioni avverse spontanee associate ad anafilassi o reazioni anafilattoidi" - 130 per il vaccino Pfizer/BioNTech e 30 per il vaccino AstraZeneca.

Vaccino Pfizer/BioNTech legato a morti in altri paesi

Secondo il rapporto, più di 9,2 milioni di prime dosi di vaccino COVID-19 sono state somministrate in quattro paesi che includono il Regno Unito. Nel frattempo, 494.209 seconde dosi sono state somministrate nei quattro territori.

Il Regno Unito non è l'unico paese ad aver riportato morti in seguito alla vaccinazione COVID-19. Anche un certo numero di personale medico è morto dopo essere stato vaccinato contro il coronavirus Wuhan - principalmente con il vaccino di Pfizer/BioNTech.

L'ostetrico della Florida Dr. Gregory Michael è morto a gennaio dopo essere stato inoculato con la prima dose del vaccino COVID-19 di Pfizer/BioNTech. Il 56enne ha ricevuto la sua prima dose il 18 dicembre, poi sono apparse piccole macchie su mani e piedi tre giorni dopo la vaccinazione. Si è quindi recato al pronto soccorso del suo posto di lavoro, il Mount Sinai Medical Center, dove è stato ricoverato. I medici hanno poi scoperto che l'ostetrico non aveva più piastrine.

Anche se è stato sottoposto a trasfusioni per ripristinare il suo numero di piastrine, è servito a poco per aiutare Michael. Alla fine ha avuto un ictus ed è morto mentre si sottoponeva ad un intervento chirurgico all'ultimo minuto. La moglie di Michael, Heidi Neckelmann, ha detto: "Secondo me, la sua morte è stata collegata al 100% al vaccino. Non c'è altra spiegazione".

In Portogallo, l'infermiera Sonia Acevedo è morta appena due giorni dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19. La 41enne madre di due bambini, che lavorava all'Istituto Portoghese di Oncologia (IPO) a Porto, non aveva sperimentato effetti avversi dopo la vaccinazione. Acevedo era uno degli oltre 500 dipendenti dell'IPO di Porto che erano stati vaccinati contro il COVID-19 con il vaccino di Pfizer/BioNTech.

Il padre di Sonia, Abilio Acevedo, ha detto che sua figlia stava "bene" e non aveva problemi di salute. "Ha fatto il vaccino COVID-19, ma non ha avuto sintomi", ha notato. Abilio ha proseguito dicendo che lui e sua figlia hanno persino cenato insieme la notte di Capodanno, senza sapere che sarebbe stata l'ultima volta che l'avrebbe vista viva. In seguito ha ricevuto una chiamata che lo informava che Sonia era stata trovata morta la mattina del 1° gennaio. "Mia figlia è uscita di casa e non l'ho più vista viva", si è lamentato.

La figlia di Sonia, Vania Figueredo, nel frattempo, ha detto che sua madre si è lamentata solo del "normale" disagio nel punto dell'iniezione. Figueredo ha aggiunto che a parte questa lamentela, sua madre si sentiva bene.