I dipendenti hanno fatto causa al loro ospedale per l'obbligo del vaccino?


Un gruppo di 117 coraggiosi lavoratori ospedalieri stanno prendendo il loro datore di lavoro dell'ospedale di Houston per la vaccinazione obbligatoria, ma sono già stati diffamati per le loro azioni. La loro denuncia è che sono stati costretti ad agire come "cavie umane" in una "prova sperimentale del vaccino".

Prova sperimentale del vaccino

Hanno intentato una causa civile contro il mandato di vaccinazione contro il coronavirus di un ospedale datore di lavoro. La causa sostiene che il mandato viola sia il Codice di Norimberga che gli statuti degli Stati Uniti che permettono agli americani di rifiutare trattamenti medici "non approvati". Denuncia anche le violazioni delle leggi sul lavoro e l'occupazione del Texas.


Che "la gente" stia "cercando di costringerti a mettere qualcosa nel tuo corpo che non ti fa sentire a tuo agio per mantenere il tuo lavoro è semplicemente folle", ha detto la querelante principale Jennifer Bridges all'affiliata KHOU della CBS di Houston.

Gli imputati sono il Methodist Hospital, il Methodist Hospital System, e lo Houston Methodist The Woodlands Hospital. I responsabili di queste entità hanno risposto alla causa dicendo che i querelanti non sono che una piccola minoranza di voci tra 26.000 dipendenti e che è "legale per le istituzioni sanitarie imporre i vaccini".

La causa

La denuncia di 56 pagine, formulata in modo tagliente, sostiene che i vaccini COVID-19 attualmente sul mercato sono stati autorizzati solo come misure di "emergenza" e, quindi, non sono vaccini completamente "approvati".

In cima al documento ci sono parole attribuite a David Bernard, il CEO dello Houston Methodist San Jacinto Hospital: "La vaccinazione 100% è più importante della vostra libertà individuale. Ognuno [sic] di voi è sostituibile. Se non vi piace quello che fate [sic] potete andarvene e sostituiremo il vostro posto".

Queste presunte parole non sono piaciute ai querelanti.

"Per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, un datore di lavoro costringe un dipendente a partecipare a un test sperimentale sul vaccino come condizione per continuare a lavorare", sostiene la causa.

Il documento continua affermando che l'ospedale convenuto "è diventato il primo grande sistema sanitario del paese a costringere i suoi [sic] dipendenti a farsi iniettare un'iniezione sperimentale di modifica del gene COVID-19 mRNA ('vaccino sperimentale') o essere licenziati".

"Il Methodist Hospital sta costringendo i suoi impiegati ad essere 'cavie' umane come condizione per continuare a lavorare", dice anche il paragrafo di apertura della causa.

Il Washington Post del 14 maggio ha riferito che i vaccini contro il coronavirus disponibili negli Stati Uniti non sono più considerati "sperimentali" perché hanno "completato i test clinici e sono stati autorizzati per l'uso di emergenza". Lo stesso rapporto cita uno stuolo di esperti che affermano che gli attuali vaccini sono sicuri e notano che milioni di americani sono stati vaccinati senza gravi danni. Leggi qui.

Tuttavia, i dipendenti della ricorrente rimangono scettici.

"Ci sono molte cose che la FDA non sa su questi prodotti anche se li autorizza per l'uso di emergenza, compresa la loro efficacia contro l'infezione, la morte e la trasmissione della SARS-CoV-2, il virus che è presumibilmente la causa della malattia COVID", sostiene la causa.

La Equal Employment Opportunity Commission venerdì ha aggiornato i suoi documenti di orientamento sulla vaccinazione COVID-19 per i datori di lavoro.


"Le leggi federali EEO non impediscono a un datore di lavoro di richiedere a tutti i dipendenti che entrano fisicamente sul posto di lavoro di essere vaccinati per la COVID-19, a patto che i datori di lavoro rispettino le disposizioni di accomodamento ragionevole dell'ADA e del Titolo VII del Civil Rights Act del 1964 e altre considerazioni EEO", si legge nel nuovo documento di assistenza tecnica dell'EEOC.

I documenti presentati come reperti alla causa dei querelanti sottolineano che gli imputati dell'ospedale hanno un sistema in atto per tali richieste di esenzione. I querelanti della zona di Houston hanno sostenuto che l'ospedale ha "arbitrariamente negato" le richieste di esenzione religiosa o medica. Leggi qui.

La causa sostiene inoltre che i materiali di marketing dell'ospedale stanno mettendo "i profitti al di sopra delle persone", pubblicizzando che tutti i dipendenti e i medici sono tenuti ad essere vaccinati.

La causa è stata presentata nel tribunale statale della contea di Montgomery, Texas. Si sostiene il licenziamento abusivo e una violazione dell'eccezione di ordine pubblico della dottrina dell'occupazione at-will. Chiede una dichiarazione di sollievo, un'ingiunzione e le spese legali.

Risposta di Houston Methodist

Il dottor Marc Boom, presidente e amministratore delegato di Houston Methodist, ha rilasciato una dichiarazione all'affiliata KPRC di Houston NBC. Si legge:

Ad oggi, il 99% dei 26.000 dipendenti di Houston Methodist ha soddisfatto i requisiti per il mandato di vaccinazione. Siamo estremamente orgogliosi dei nostri dipendenti per aver fatto la cosa giusta e aver protetto i nostri pazienti da questo virus mortale. Come operatori sanitari, è nostro sacro obbligo fare tutto il possibile per proteggere i nostri pazienti, che sono i più vulnerabili della nostra comunità. È il nostro dovere e il nostro privilegio.

È un peccato che i pochi impiegati rimasti che si rifiutano di farsi vaccinare e mettono i nostri pazienti al primo posto rispondano in questo modo. È legale per le istituzioni sanitarie imporre i vaccini, come abbiamo fatto con il vaccino antinfluenzale dal 2009. I vaccini COVID-19 hanno dimostrato attraverso prove rigorose di essere molto sicuri e molto efficaci e non sono sperimentali. Più di 165 milioni di persone solo negli Stati Uniti hanno ricevuto i vaccini contro la COVID-19, e questo ha portato al più basso numero di infezioni nel nostro paese e nella regione di Houston in più di un anno.

Una risposta legale completa non è ancora stata depositata.

Leggi la causa