La cospirazione della cospirazione (Oh, la brava gente!)


Che ci sia e ci sia stata una cospirazione è innegabile. La storia è piena di intrighi semplicemente perché la gente non è pazza. Quindi il nostro tempo è l'unico che ne è esente?

Complotto contro la ragione

Che cospirazione contro la ragione! Che arroganza della modernità, ancora una volta! La trama è il mistero. Niente di più. E la segretezza è spesso necessaria. Quando l'individuo crede che il suo progetto possa incontrare un'opposizione determinata che lo metterà in pericolo, o che le conseguenze della sua azione possano alla fine rivoltarsi contro di lui, sceglie di tacere (o nascondere) per il momento.

Cosa c'è di più naturale? Siamo tutti così, a livello personale. A volte, per essere efficaci, dobbiamo agire senza rivelare all'altro ciò che stiamo facendo. I genitori spesso cospirano contro i loro figli. Quando siamo sicuri di agire per il bene dell'altro, tutte le serrature sono rotte. L'interesse migliore...

La parola "cospirazione" è una trappola potente che funziona in un attimo. Paralizza. È un incantesimo che paralizza la persona che riceve la parola. È l'inchiostro della sete. Il cervello si blocca immediatamente. Riflesso. Stordito. Credo che valga la pena di fare un parallelo con l'accusa di "fascismo", che Stalin capì molto bene. Noto subito il ghigno compiaciuto dell'uomo che dice: "Non credo al complotto". Quando dice questo, si sente più intelligente.

Nessuno vuole essere il paranoico della storia. Tutti sono coinvolti in questo sistema. Tutti. Anche i miei migliori amici vengono coinvolti in questa diabolica alternativa senza esitazione. Cospirare o non cospirare? Ci si sente soli.

Ci sono forze al lavoro

Dobbiamo rifiutare questa visione delle cose. Ci sono forze all'opera: lo vediamo. Che queste forze siano cospiratorie in senso stretto o meno è irrilevante. L'effetto è lo stesso. Le conseguenze sono le stesse. Il Grande Reset non è stato probabilmente deciso e pianificato da poche persone sedute intorno a un tavolo, ma i suoi effetti sono visibili e le sue conseguenze sono reali - anche nella mente delle persone. Senza dubbio nessuno si è chiesto: "E se distruggessimo la scuola?", eppure è esattamente quello che è successo per quarant'anni.

Ma ogni volta sentiamo lo stesso ritornello: "È ridicolo, non può esserci un Grande Reset, perché significherebbe che c'è una cospirazione. Nessuno vuole distruggere la scuola, siete pazzi. Non mi interessa se qualcuno ha deciso di farlo, ha pianificato tutti i passi di questo processo nel suo cervello malato e ha condiviso il suo progetto con altri pazzi della sua specie che lo hanno aiutato ad attuarlo.

NON IMPORTA! Ci sono interessi in gioco, interessi molto potenti, e questi interessi si scontrano, come succede dall'inizio dei tempi. Questo è un vero scoop!

Se fossi Bill Gates, non vi direi quello che penso. Non perché me ne vergognerei, ma per una questione di efficienza. Dovete capire che queste persone vogliono il bene dell'umanità. Quando Bill Gates viene chiamato filantropo, questa è la verità.

Non sono persone malvagie che vogliono fare il male. I comunisti credevano fermamente che avrebbero portato il paradiso sulla terra. E anche i nazisti hanno fatto quello che pensavano di poter fare per migliorare la razza umana. La corruzione viene dopo, una volta che il sistema prende piede. Ma i credenti che vogliono il bene sono puri di cuore.

Si tratta di salvare il mondo

Se nascondono i loro progetti, è perché sono convinti che non siamo abbastanza intelligenti, non abbastanza sviluppati, non abbastanza furbi per capirli. Non si può volere il bene dell'umanità, del mondo, del pianeta, ed essere gentili con il proprio vicino allo stesso tempo. Il nostro vicino non conta più quando si tratta di salvare il mondo. Inoltre, possiamo vederlo chiaramente. Gli ambientalisti radicali e gli animalisti radicali hanno mostrato da tempo il loro lato brutto. Tutti i mezzi sono buoni. Avete sentito? E tra questi mezzi ci sono le bugie, la manipolazione, l'inganno con i numeri, la cospirazione.

Ma posso già vedere le vergini indignate che battono i piedi davanti ai loro schermi e mi accusano di paragonare Hitler a Bill Gates. Calmatevi, miei cari. Bill è simpatico, questo è ovvio. E Adolf era un pessimo pittore, questo va da sé. Calmatevi, calmatevi.... Ma io non sono un tipo simpatico. Ecco perché mi prendo la libertà di dire quello che nessun altro dice.

È così che mi riconoscete. Non sono un filantropo. Per niente. Per esempio, non voglio contrarre un'infiammazione del muscolo cardiaco con il pretesto che sto partecipando a un grandioso esperimento per salvare l'umanità. Avrò il mio ictus quando sarà il momento! In questo momento, per esempio, sono in ottima forma.

Sono pronto ad avere il coronavirus che scuote il mondo su per il naso ogni mattina a colazione. Più di questo non mi spaventa. Non preoccupatevi. Non sono nemmeno così grande come filantropo da non avere problemi se vuoi iniettarti Pfizer. Vai avanti e fallo. Puoi raccontarci tutto. Posso raccontarvi di una brutta influenza che ho avuto qualche anno fa. Pensavo di morire. Quindici giorni a letto. Da solo. Ho fatto il vaccino per l'influenza? Certamente no! Ma questo non ti interessa, lo so....

"Sì, beh, ok, ma allora qual è lo scopo, qual è il piano?" mi chiedono i miei amici non paranoici. Io non lo so. No, davvero, non lo so. Oh, ho delle idee, certo, ma non credo sia così importante parlarne qui, sono solo ipotesi. Ma penso che lei trovi molto difficile ammettere che le cose non sono mai bianche o nere.

Voi volete che noi diciamo, sì, c'è una cospirazione, e questa è la cospirazione. Ma non si può rispondere in questo modo. Penso che ci sia una cospirazione all'interno della non cospirazione e una non cospirazione all'interno della cospirazione. Le cose sono così intrecciate che è impossibile scegliere. E questo fa comodo ai cospiratori che esistono, ripeto, perché ci sono sempre state e ci saranno sempre persone che pianificano a lungo termine (Gesù era un cospiratore).

Misura infame e atroce

Mi stai chiedendo una risposta che sia vera al 100%? Allora è impossibile per me risponderti, perché le cose non sono mai vere al 100%. Ci sarà sempre qualcosa che contraddice un'affermazione vera al 100%. E ci sarà sempre qualche idiota che alzerà il dito e dirà: "Vedi! Quello che affermi è falso, perché c'è almeno un elemento che contraddice la tua affermazione". E questo idiota sarà applaudito. Questa storia è vecchia come il tempo. Credo che questa crisi abbia un grande merito, perché ci ha permesso di vedere cose che senza di essa sarebbero state taciute.

Un esempio è il problema fondamentale dell'identificazione digitale. Tutti si concentrano sul "passaporto sanitario", che è una misura infame e odiosa, sono d'accordo, ma questo "passaporto sanitario" non è niente. Ciò che preoccupa è ciò che ha reso possibile il "passaporto sanitario" e ciò che renderà possibile istituire qualcos'altro domani, e poi qualcos'altro ancora.... Ciò che fa paura è il controllo assoluto che questa tecnologia promette. Passo dopo passo, ci stiamo muovendo verso la "sorveglianza e la punizione", come scriveva Michel Foucault quasi cinquant'anni fa.

I passi sono ogni volta modesti, ma il percorso fatto è importante. Se non fosse stato per questa "pandemia", probabilmente non avremmo visto il passo in più che ci è stato chiesto di fare. La temperatura è salita molto da allora, ma ci siamo abituati, solo un po' di più e di più.... È quel poco e più che mi spaventa. Non mi fanno ridere i tecnocrati. Non mi fanno ridere per niente. Ma non vedete che questo mondo sta arrivando? Non li vedete, questi zombie mascherati che camminano per strada fissando i loro smartphone?

Non li leggete sui social media, dove si esprimono come i robot che già sono? Di cosa avete bisogno ancora? Davvero non avete visto come la medicina è stata presa dall'industria farmaceutica dall'inizio di questa crisi? Come i trattamenti per la COVID, che tutti sanno essere efficaci, sono stati criminalmente accantonati per rendere inevitabile il vaccino che salverà l'umanità? Ma la cosa va ben oltre.

Quello che questa crisi ci sta dicendo è: "C'è solo un modo di trattarci". Il nostro. La loro salute ci appartiene. Voi non lo sapete. Il vostro corpo non lo sa. Noi lo sappiamo. Vi salveremo da voi stessi. La vita appartiene a noi ora. Abbiamo i brevetti.

Genocidio planetario

Potrebbe qualche pazzo aver sognato un genocidio planetario per ridurre drasticamente la popolazione mondiale? Francamente, lo trovo difficile da credere, ma niente è impossibile. Se alcune persone sono sinceramente convinte che la sovrappopolazione globale - che esiste - stia portando l'umanità all'estinzione, potrebbero aver deciso di prendere in mano la situazione per il bene di tutti (i sopravvissuti).

È una scommessa. Quello che mi sembra certo, però, è che questi vaccini COVID non sono innocui. Non ci sono mai stati così tanti incidenti dopo le vaccinazioni (e per una buona ragione, perché questo è un esperimento su larga scala), e sono assolutamente sicuro che siamo lontani dall'aver contato tutte le vittime di questa follia. In tempi normali, tutto questo sarebbe stato fermato molto tempo fa. Ma nulla è normale oggi, il che è segno di un mondo che cambia.

Il transumanesimo non è un futuro ipotetico, è già all'opera in molte menti. È già in pieno svolgimento, e molte persone stanno scommettendo su di esso (compresi miliardi di dollari). È qui che le due forme di "cospirazione senza trama" si incontrano.

Il grande e il piccolo. L'ideale e l'egoista. Il religioso e il pragmatico. Il pazzo e il cinico. L'idealista e il contabile. Il visionario e il droghiere. Alcuni pensano che il transumanesimo sia l'unica strada percorribile per l'umanità (probabilmente non sono molto numerosi), e alcuni (molto più numerosi) hanno un interesse concreto in esso, direttamente o indirettamente.

Le due parti si incontrano, come spesso accade, in modo opportunistico. La contingenza prende il volto dell'idea, e l'idea il volto della contingenza. Non sappiamo più chi è chi: In questo orrore, tutto diventa possibile. Questo è esattamente ciò che stiamo vivendo oggi.