I vaccini sperimentali mRNA possono trasmettere le proteine Spike del Coronavirus ai non vaccinati?


Risposta immunitaria alla SARS-CoV-2: il linfocita B rilascia anticorpi che si legano ai coronavirus e li marcano. Quindi, i virus non possono penetrare nelle loro cellule bersaglio e sono inghiottiti e distrutti da un macrofago (cellula sullo sfondo).

Secondo i documenti di progettazione dello studio della Pfizer, nella sezione "8.3.5.3. Esposizione professionale", i vaccini mRNA possono trasmettere le proteine spike del coronavirus ai non vaccinati.

Agiscono quindi come armi biologiche.

Il nuovo vaccino coronavirus mRNA della Pfizer

Dopo che la Pfizer ha saltato le prove sugli animali per il suo nuovo vaccino mRNA contro il coronavirus, ha iniziato a usare varie dosi di mRNA estraneo per sperimentare su soggetti umani. Questo mRNA straniero del vaccino ferma il processo di trascrizione innato nelle cellule umane, fornendo nuove istruzioni per la sintesi proteica che fondamentalmente sovrascrive l'espressione genetica innata dal DNA del corpo.

L'mRNA del vaccino estraneo arresta la sintesi proteica naturale nelle cellule umane, bloccando le cellule dal produrre le sequenze di aminoacidi che tipicamente costruiscono per le proteine che sono necessarie nel corpo. L'mRNA del vaccino estraneo aggira l'intelligenza innata del corpo umano, istruendo i ribosomi delle cellule a sfornare invece proteine spike (proprietà della bio-arma del coronavirus).

Nei documenti di progettazione dello studio forniti da Pfizer, gli scienziati avvertono di "esposizione professionale" ai vaccinati in un periodo di monitoraggio di 24 ore. Cosa potrebbe essere trasmesso dai vaccinati, se l'esposizione professionale è preoccupante? Perché la Pfizer ha tenuto questi dati limitati sull'esposizione professionale separati dallo studio clinico?

I documenti Pfizer avvertono di potenziali eventi avversi dall'esposizione professionale al vaccinato

Secondo i documenti di progettazione dello studio della Pfizer, gli scienziati erano preoccupati per "l'esposizione professionale" dei soggetti del test appena vaccinati. Nella sezione "8.3.5.3. Esposizione professionale" Pfizer avverte che i custodi e i contatti stretti dei vaccinati di recente potrebbero essere esposti alle proteine spike che vengono tradotte e sintetizzate nelle cellule dei vaccinati. Durante gli studi clinici, Pfizer ha istruito i ricercatori a monitorare gli eventi avversi gravi nei vaccinati e nelle persone non vaccinate che erano esposte ai vaccinati. Cosa comporta "l'esposizione professionale"? I vaccini mRNA non rilasciano virus vivi, quindi cosa viene trasmesso esattamente dai vaccinati ai non vaccinati? Vedi il pdf dello studio alla fine del post.

"Quando si verificano tali esposizioni, lo sperimentatore deve segnalarle alla sicurezza di Pfizer entro 24 ore dal momento in cui viene a conoscenza di quando sono accadute, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno un evento avverso secondario associato. Tuttavia, Pfizer ha detto che le informazioni non riguardano il partecipante coinvolto nello studio, quindi può essere "tenuto separato dallo studio".

I dati di esposizione ambientale si estendono alle femmine che vengono trovate ad allattare dopo essere state esposte al vaccinato. "Un esempio di esposizione ambientale durante l'allattamento è un membro femminile della famiglia o un operatore sanitario che riferisce di allattare dopo essere stato esposto all'intervento di studio per inalazione o contatto con la pelle".

I dati di esposizione ambientale includono qualsiasi "membro maschile della famiglia o operatore sanitario che è stato esposto all'intervento di studio per inalazione o contatto con la pelle" e poi "espone la sua partner femminile prima o intorno al momento del concepimento". Sembra che gli scienziati siano preoccupati per il potenziale di trasmissione delle proteine spike attraverso lo sperma o attraverso gli aerosol o la pelle della persona vaccinata.

Una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) dovrebbe essere immediatamente presentata alla Pfizer per accedere a questi dati di esposizione ambientale nascosti e determinare se gli eventi avversi si sono verificati in persone che erano semplicemente esposte al vaccinato nelle prime 24 ore dopo l'esposizione. Leggi qui.

Perché stiamo sperimentando l'espressione genetica innata e fermando la sintesi proteica naturale del corpo?

La sintesi proteica è un processo continuo effettuato dalle cellule. Queste proteine possono presentarsi sotto forma di enzimi, che sono necessari per facilitare le reazioni biochimiche. Queste proteine possono essere anticorpi, che aiutano il sistema immunitario a combattere le infezioni. Le proteine prodotte dalle cellule possono essere proteine strutturali che forniscono supporto ai tessuti connettivi o possono essere proteine contrattili che aiutano la contrazione muscolare e il movimento. Le proteine possono anche essere ormoni, che aiutano a coordinare le funzioni corporee. Le proteine sono anche usate per il trasporto; per esempio, le proteine dell'emoglobina trasportano l'ossigeno nel sangue. Le proteine associate al DNA sono prodotte per regolare la struttura dei cromosomi durante la divisione cellulare e/o hanno un ruolo nella regolazione della futura espressione genetica. I vaccini mRNA mettono questi processi naturali in attesa, costringendo il corpo a produrre qualcosa che non è affatto benefico per il corpo - proprietà di una bio-arma da coronavirus.


Le varie proteine, che siano ormonali, strutturali o anticorpi, sono progettate per beneficiare il corpo umano, fornendo funzioni vitali per la vita. Allora perché gli scienziati oserebbero interferire in questo processo naturale, costringendo il corpo a creare proteine spike estranee che non sono altro che tossine infiammatorie? Questo processo allena efficacemente le cellule che rispondono al sistema immunitario ad attaccare il processo di sintesi proteica dell'organismo. L'infiammazione che ne consegue sulla superficie delle cellule non è contabilizzata.

Le cellule immunitarie reattive sono sempre in grado di differenziare queste proteine spike estranee dalle varie proteine che il corpo sintetizza per le funzioni vitali? Che cosa succede se le cellule immunoreagenti non riescono a neutralizzare queste proteine di punta e le proteine di punta estranee continuano a interferire con i processi vitali del corpo? Quali sono le conseguenze dell'addestramento delle cellule immunitarie ad attaccare una delle funzioni più importanti delle cellule? Cosa succede se il processo di traduzione dell'mRNA del vaccino straniero continua senza sosta, creando un'infiammazione perpetua e problemi autoimmuni? Come influisce l'mRNA estraneo sull'espressione genetica nel tempo? L'mRNA iniettato cambia il modo in cui le cellule leggono il codice genetico innato dal DNA in futuro?

Su una scala molto più grande, queste proteine di picco si trasmettono da persona a persona, attraverso l'inalazione, i fluidi corporei, la donazione di sangue, o il contatto pelle a pelle?

Scopri di più sui vaccini sperimentali e sull'esposizione ambientale da questi cinque incredibili medici:

Allegato

I documenti di progettazione dello studio della Pfizer