Australia: Libertà zero e galera per chi non ha un certificato di vaccinazione?


Covid vaccine passport phone e1633027657439

La nuova strategia zero COVID dell'Australia viene usata dal governo per limitare la partecipazione delle persone alla società, e i leader dello stato del New South Wales hanno annunciato in una conferenza stampa questa settimana che le persone non vaccinate perderanno le loro libertà il mese prossimo.

"Progetto di libertà"

Nell'annuncio dei protocolli COVID aggiornati che stanno chiamando un "progetto di libertà", il premier del NSW Gladys Berejiklian ha annunciato che i residenti che sono vaccinati possono godere di una lista di "libertà extra" quando lo stato raggiunge un tasso di vaccinazione dell'80%.

Lo stato, che ospita la città più popolosa dell'Australia, Sydney, aveva già fissato un obiettivo di soglia del 70% che avrebbe aperto alcune libertà alle persone che sono vaccinate. Queste includono la possibilità di avere fino a cinque visitatori nella propria casa, purché tutti gli adulti siano vaccinati, e fino a 20 persone in riunioni all'aperto. Coloro che si vaccinano potranno partecipare a matrimoni e funerali fino a 50 invitati, ma mangiare e bere potranno avvenire solo da seduti.

Potranno anche frequentare chiese e luoghi di culto, ma non sarà permesso cantare. Inoltre, coloro che sono vaccinati saranno autorizzati ad andare nei luoghi di ospitalità e nei negozi al dettaglio, così come nei servizi personali come parrucchieri, palestre, strutture ricreative al coperto e impianti sportivi. Tuttavia, tutto questo dovrà essere fatto indossando una maschera.

La vita per i non vaccinati sarà molto difficile

L'elenco delle "libertà" aggiornate che saranno concesse quando raggiungeranno la soglia dell'80% includerà la possibilità di viaggiare liberamente ovunque all'interno dello stato del NSW, permettendo fino a 10 visitatori in una residenza privata, nessun limite alla partecipazione a funerali e matrimoni, la possibilità di alzarsi e bere nei bar, e riunioni fino a 20 persone all'aperto.

Quando queste restrizioni entreranno in vigore l'11 ottobre per lo stato del NSW, le persone non vaccinate non solo perderanno l'accesso alle "nuove" libertà legate alla riapertura, ma perderanno anche alcune libertà di cui godono attualmente, in particolare quelle nelle aree del NSW regionale e rurale che sono già aperte.

 

Il vice premier John Barilaro ha detto: "Così ci saranno individui nel New South Wales regionale e rurale che scelgono di non essere vaccinati che perderanno le loro libertà l'11 ottobre".

Berejiklian ha detto che alle persone che non si vaccinano sarà vietato l'ingresso a ristoranti, luoghi di intrattenimento e negozi anche dopo che lo stato avrà tolto tutte le restrizioni che li riguardano a dicembre. Lei ha detto: "La vita per i non vaccinati sarà molto difficile a tempo indeterminato".

Il carcere è una possibilità per coloro che non producono i passaporti dei vaccini

I residenti non vaccinati del NSW che cercano di entrare nelle aziende senza i passaporti vaccinali richiesti sono stati avvertiti che potrebbero affrontare il carcere per le loro azioni. I leader hanno detto che il controllo dei passaporti dei vaccini non dovrebbe spettare alle imprese; invece, il focus dovrebbe essere sulla conformità individuale.

Ha detto ai media: "Se le persone vogliono fare la cosa sbagliata, se vengono scoperte, come ho detto, potrebbe esserci il carcere".

Alcuni imprenditori hanno espresso la preoccupazione che i dipendenti possano essere aggrediti da persone a cui viene negato l'accesso ai loro negozi per le nuove regole e sono preoccupati per l'impatto economico dell'esclusione di alcuni membri della società dalla riapertura.

Gli attuali focolai della variante Delta che si stanno verificando in alcune parti dell'Australia hanno diviso i leader dei suoi stati e territori. Alcuni leader in aree del paese relativamente libere dal virus hanno indicato che sfideranno i piani federali per riaprire le frontiere interne quando la popolazione adulta raggiungerà l'80% di vaccinazione completa, il che è previsto per novembre.