Ci sono particelle metalliche tossiche nei vaccini mRNA?


Vaccino 1

Che ci siano "particelle metalliche" nei nuovi vaccini Corona è stato a lungo riportato dai media alternativi. Ora tali rapporti sono entrati nel mainstream. In Giappone, per esempio, 1,6 milioni di dosi del vaccino Moderna sono state recentemente ritirate dal mercato perché sono state trovate particelle di metallo in almeno un lotto.

 

Particelle che reagiscono ai magneti

"Le particelle hanno reagito ai magneti, per questo si sospetta che siano metalliche" è stato riportato dai media giapponesi. Il Ministero della Salute giapponese, d'altra parte, ha detto che la composizione del contaminante non era stata confermata e non era chiaro se si trattasse di un contaminante. Ha detto che la sospensione dei lotti di Moderna era una misura precauzionale. Moderna ha parlato di "particolato" che non era una preoccupazione per la sicurezza o l'efficacia.

Questo problema e le notizie un po' confuse mi hanno ricordato un po' il caos che circonda il vaccino AstraZeneca e la sospensione delle vaccinazioni in vari paesi europei a causa degli effetti collaterali. L'interazione a volte caotica di politica, autorità, industria farmaceutica e media è simile nella maggior parte dei casi e non posso fare a meno di notare una sorta di psicologia inversa nella cronaca attuale con cui il cittadino è influenzato e condizionato.

Possibile False Flag per ridurre lo scetticismo sui vaccini

Nell'attuale caso di contaminazione, sembra che ancora una volta un vaccino/produttore debba essere usato come capro espiatorio (temporaneo) per ripulire un'intera industria rimasta e i suoi scagnozzi. In ogni caso, attraverso il "caos ordinato" e una gestione globale della crisi che alla fine funziona in ogni momento, si suggerisce al cittadino che la catena del processo funziona in modo ordinato, che il controllo di qualità funziona, che i canali di segnalazione sono corretti e che il cittadino può quindi essere certo: I VACCINI SONO SICURI.

Forse non Moderna al momento, ma gli altri sì, perché in essi non è stato trovato nulla. Inoltre, tutti hanno una scelta: se non la tanto denigrata AstraZeneca, allora la sicura Pfizer/BioNTech? Se non la contaminata Moderna, allora la pulita Johnson & Johnson. "Ma questo riguarda solo il Giappone, per il momento". I giapponesi, tra l'altro, si dice che abbiano un diffuso scetticismo vaccinale. E lo scetticismo vaccinale può essere ridotto più efficacemente dal punto di vista psicologico nell'era Corona con informazioni convincenti che il vaccino è sicuro ed efficace e che è la scelta migliore rispetto all'alternativa, la non vaccinazione.

A mio parere, tali messaggi di particelle metalliche, ecc. sono regolarmente ingannevoli. Manipolano con la disinformazione e distraggono dallo sfondo più profondo. Per quanto riguarda le particelle metalliche nei vaccini Corona, ci sono già molte fonti che dimostrano che tali particelle, le cosiddette nanoparticelle metalliche o ossido di grafene, sono presenti in TUTTI gli attuali vaccini mRNA e vettoriali, e non per caso o per un problema nel processo di fabbricazione.

 

Nanoparticelle tossiche di ossido di grafene rilevate in dosi di vaccino

I seguenti studi e riassunti di studi sono esempi:

- Analisi di laboratorio del vaccino Pfizer/BioNTech da parte di scienziati spagnoli.
- La microscopia elettronica a scansione e a trasmissione rivela l'ossido di grafene nei vaccini CoV-19
- Ossido di grafene e l'assorbimento elettromagnetico del 5G

 

 

(Nota: lo studio spagnolo è stato anche oggetto di fact-checkers che, tra le altre cose, hanno trascurato il fatto che nell'industria farmaceutica gli eccipienti come i coadiuvanti non devono essere elencati tra gli ingredienti quando si analizzano gli ingredienti).

Dati i risultati di questi studi, non sarebbe esagerato dire che la campagna globale di vaccinazione Corona potrebbe essere una cospirazione per ingannare la gente.

Qual è lo sfondo esatto?

Ossido di grafene - un supermateriale fatto per il NWO

L'ossido di grafene "GO" o il suo derivato ossido di grafene ridotto "rGO" (usato come sinonimo nel seguito) è un nanomateriale a base di carbonio che è stato considerato un supermateriale per molto tempo grazie alle sue potenziali applicazioni biomediche, tra le altre.

È spesso usato insieme ad altri materiali come materiale ibrido. I materiali a base di grafene hanno tipicamente dimensioni che vanno da pochi a poche centinaia di nanometri e sono spessi 1-10 nm, il che corrisponde anche alla definizione di "nanoparticelle".

Nei vaccini CoV-19 mRNA, l'ossido di grafene serve potenzialmente come un nanocarrier per trasportare l'mRNA nelle cellule del corpo per istruirle a produrre antigeni e stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi. A causa dell'uso di nanoparticelle come messaggeri nei nuovi vaccini, molti scienziati dicono che i vaccini Corona segnano l'inizio del transumanesimo.

Le voci che i vaccini Corona incorporano la tecnologia CRISPR/Cas9 per un efficiente editing del genoma (le cosiddette forbici geniche) e alterano il genoma umano probabilmente non sono vere. Tuttavia, CRISPR/Cas9 potrebbe essere utilizzato in altre applicazioni biomediche in futuro.

Le proprietà dell'ossido di grafene sono perfette per la rete 5G

Da notare che l'ossido di grafene è un eccellente conduttore di elettricità e può essere caricato elettromagneticamente. Il materiale assorbe efficacemente le onde elettromagnetiche (microonde), soprattutto in relazione alle emissioni 5G. Come materiale composito, raggiunge proprietà ottimali per un basso tasso di riflessione delle onde elettromagnetiche e, in questo senso, permette l'assorbimento di quasi tutte le emissioni 5G. Data la capacità di assorbimento delle onde dell'ossido di grafene, la sua introduzione nel corpo umano potrebbe rappresentare un rischio per la salute.

L'analista farmaceutica ed ex dipendente della Pfizer Karen Kingston ha detto in un'intervista (vedi video qui sotto) che a causa della sua eccellente conduttività elettrica, l'ossido di grafene può essere caricato positivamente o attivato da un campo elettromagnetico, e l'attivazione farebbe sì che il materiale annichilisca tutto ciò con cui entra in contatto, portando a danni alla salute e forse alla morte, a seconda di dove e quanto di queste nanoparticelle sono nel corpo.

Pfizer

Quanto è pericoloso l'ossido di grafene?

L'ossido di grafene ha un effetto tossico e, secondo un accurato studio cinese, porta alla distruzione delle cellule, all'alterazione dell'omeostasi (la normale funzione) dei mitocondri, che sono responsabili della respirazione cellulare (stress ossidativo), al danno al DNA, alle reazioni infiammatorie, all'apoptosi, all'autofagia e alla necrosi. Inoltre, lo studio menziona che le nanoparticelle di ossido di grafene passano facilmente attraverso la barriera sangue-placenta, tra gli altri, e influenzano fortemente lo sviluppo embrionale. Pertanto, il timore spesso espresso che la vaccinazione Corona potrebbe rendere le donne sterili potrebbe diventare vero in futuro. Non è solo per questo motivo che è importante mantenere il gruppo di controllo di persone non vaccinate.

L'ossido di grafene trasforma gli esseri umani in antenne ambulanti

Ciò che finora non è stato quasi mai affrontato è l'importanza centrale che la vaccinazione attraverso nanoparticelle di ossido di grafene introdotte nel corpo potrebbe avere per lo sviluppo e la messa in rete di un'infrastruttura 5G e Industria 4.0 a livello nazionale. Il 5G è il nuovo standard di trasmissione cellulare ed è caratterizzato da alte velocità e rende possibile la trasmissione di dati in tempo reale. Il 5G è LA tecnologia chiave per l'industria del futuro e crea le condizioni per una rete completa e intelligente di robot, macchine, oggetti e dispositivi (Internet of Things) con lo scopo di farli comunicare tra loro in tempo reale. Questo apre possibilità di interazione completamente nuove, soprattutto per la realtà aumentata, la realtà virtuale, la realtà mista, così come i sistemi di trasporto autonomi, la città intelligente e le applicazioni di robotica.

Tuttavia, il 5G non porta solo alte velocità, ma anche nuove frequenze - e molte nuove torri di trasmissione. Finora, le frequenze per la rete mobile sono state inferiori a 2,6 gigahertz (GHz). Per la rete 5G, si parla ora di frequenze da 2 a 3,7 gigahertz, e in futuro anche fino a 60 gigahertz. Più alta è la frequenza, più corta è la portata. Dato che le millionde 5G sono corte e non si propagano così lontano, sono necessarie molte più torri di trasmissione per coprire la stessa area. Pertanto, oltre a nuove torri di trasmissione 5G su torri o tetti, è necessario installare nuove stazioni di trasmissione in piccole scatole praticamente ovunque (lampioni, fermate dell'autobus, muri). Negli Stati Uniti, queste stazioni di trasmissione sono già installate ogni 600 piedi (circa 200 metri) nelle zone residenziali. Quindi, in futuro, le persone saranno molto più vicine ai trasmettitori ed esposte a più radiazioni. Inoltre, la rete 5G distribuisce le radiazioni in modo diverso nelle celle radio. Utilizzando il cosiddetto beamforming, i segnali della stazione trasmittente vengono inviati principalmente dove sono necessari - questo permette un trasferimento di dati particolarmente veloce ed efficace. Ciò significa che gli utenti attivi sono esposti ai livelli più alti di radiazioni, mentre gli utenti inattivi ne ricevono meno.

Come descritto sopra, l'ossido di grafene può assorbire molto bene le emissioni 5G e riflettere e disperdere le radiazioni. Le persone con particelle di ossido di grafene nel loro corpo quindi potenzialmente riflettono le radiazioni elettromagnetiche da torri di trasmissione e stazioni e diventano involontariamente antenne mobili. Con i loro corpi, forniscono l'hardware, per così dire, per il proprio consumo di 5G o per l'uso diffuso del 5G nell'area circostante. Questo sarà particolarmente vero se, nei prossimi anni e decenni, l'introduzione del 6G, 7G, ecc. aumenterà ulteriormente le frequenze e renderà le millionde ancora più corte e, di conseguenza, le distanze tra le stazioni trasmittenti dovranno essere ulteriormente ridotte. Nei circoli della teoria della cospirazione circola a questo proposito la cifra della distanza minima di 6 piedi (circa 2 metri), che corrisponde ironicamente alla distanza sociale della pandemia di Corona.

Quanto sono pericolose le radiazioni del 5G?

Gli effetti sulla salute delle radiazioni 5G sul corpo non sono ancora chiari, poiché non ci sono stati finora studi affidabili a lungo termine su questo argomento. Gli effetti sulla salute dipendono, tra l'altro, dalla profondità di penetrazione delle radiazioni nel corpo. Se le radiazioni dei telefoni cellulari, specialmente nella gamma 5G, portino effettivamente a disturbi cellulari, tumori o malformazioni, può essere determinato solo attraverso studi a lungo termine molto approfonditi e indipendenti, nei quali - come l'esperienza purtroppo dimostra - non c'è alcun interesse politico.

Conclusione

La linea di fondo è che le connessioni strategiche e sostanziali tra le vaccinazioni Corona, l'introduzione dell'ossido di grafene nel corpo umano e lo sviluppo di un'infrastruttura 5G e Industria 4.0 a livello nazionale sono impressionanti e relativamente ovvie, che purtroppo solo pochissime persone riconoscono, poiché è richiesto un set di competenze speciali per questo. In considerazione dei possibili effetti sulla propria salute, sarebbe consigliabile e gratificante se più persone si occupassero in futuro di questo argomento in dettaglio. A causa della suddetta questione, è in ogni caso sconsigliato vaccinare, anche le vaccinazioni di richiamo Corona in autunno/inverno, così come tutti i test per naso e bocca, perché particelle di ossido di grafene sono state trovate anche sui kit di test, che provengono per lo più dalla Cina, così come sulle maschere.

La conclusione finale degli scienziati spagnoli sull'ossido di grafene è: "Tenete i vostri bambini, voi stessi e i vostri familiari lontani da questo materiale. Non fatevi vaccinare con l'ossido di grafene in nessun caso, perché è quello che c'è nel vaccino. Dobbiamo evitare a tutti i costi che noi e le generazioni future possiamo essere marcati magneticamente e resi malati come bestiame".

 

Vedi anche:

video 1

video 2