I medici svedesi chiedono la paralisi dei vaccini dopo la rivelazione della frode?


In seguito alla rivelazione della frode nella ricerca presso un subappaltatore della Pfizer, 16 medici e ricercatori chiedono ora di fermare la coronavacinazione in Svezia.

Ricerca estensiva Frode

Il 2 novembre, il British Medical Journal (BMJ) ha rivelato che un subappaltatore di Pfizer ha probabilmente commesso una vasta frode di ricerca durante la sperimentazione di fase III del vaccino Cov di Pfizer nell'autunno 2020.

La rivelazione, che ha ricevuto poca attenzione da parte dei media, si basa su informazioni fornite dal whistleblower Brook Jackson, il direttore regionale del Texas di settembre 2020 di Ventavia Research Group, l'organizzazione di ricerca coinvolta nelle prove del vaccino di Pfizer.

La testimonianza di Jackson mostra che l'azienda ha falsificato i dati, ha accecato i pazienti, ha assunto vaccinatori non adeguatamente addestrati ed è stata lenta a seguire gli eventi avversi riportati nella sperimentazione di fase III. Il personale di controllo della qualità è stato sopraffatto dal numero di problemi scoperti.

 

Dopo aver ripetutamente avvertito Ventavia delle carenze, Brook Jackson ha presentato una denuncia alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti via e-mail il 25 settembre 2020. Ventavia l'ha respinta lo stesso giorno. Per sostenere le sue critiche, la Jackson ha presentato decine di documenti interni dell'azienda, foto, registrazioni audio ed e-mail al BMJ. Il BMJ ha sostenuto la sua testimonianza con le dichiarazioni di molti ex dipendenti di Ventavia.

L'articolo del British Medical Journal indica anche che la FDA non ha mai esaminato l'azienda dove lavorava la signora Jackson. L'articolo descrive che la FDA ha troppo poche risorse per rivedere gli studi clinici. Dal 2000 al 2005, solo circa 1% di tutti gli studi sono stati rivisti, e da allora il numero di revisioni è diminuito. Nell'agosto 2021, la FDA ha pubblicato una revisione del numero di revisioni degli studi sui vaccini della Pfizer. In totale, 9 dei 153 siti di studio sono stati rivisti, rappresentando il 6% dei siti di studio.

I 16 medici e ricercatori svedesi che hanno firmato la nuova petizione scrivono che "trovano il rapporto del BMJ estremamente preoccupante".

"Questo mina la fiducia nella Pfizer, la società responsabile della sperimentazione del vaccino, e nella sicurezza del vaccino attualmente utilizzato in Svezia, tra cui centinaia di migliaia di bambini", scrivono i medici.

 

Notano anche che il numero di segnalazioni di sospette reazioni avverse al vaccino Covid è anche "gigantesco". Per esempio, 83.744 sospette reazioni avverse sono state riportate in Svezia nei 10 mesi successivi alla vaccinazione, che è più di 10 volte il numero di tutte le reazioni avverse riportate per tutti i farmaci e vaccini negli anni precedenti, per un totale di circa 25.000 sostanze.

"Circa 20 studi hanno dimostrato che l'efficacia del vaccino è molto debole. Uno di questi studi, quello svedese, ha mostrato che il vaccino aveva un buon effetto per circa due mesi, che il vaccino di AstraZeneca non aveva alcun effetto contro la variante delta dopo quattro mesi, e che lo stesso era vero per il vaccino di Pfizer dopo sette mesi", scrivono i medici.

Continuano:

"Il forte sospetto che parti della sperimentazione clinica per il vaccino di Pfizer non siano state condotte in modo scientificamente accettabile e che i risultati della sperimentazione non possano essere considerati affidabili, combinato con il gran numero di sospetti eventi avversi riportati in seguito alla vaccinazione, molti dei quali sono gravi, è di grande preoccupazione per noi come medici, scienziati e immunologi.

Questo non è meno vero per i bambini, che sono a rischio estremamente basso di malattia grave da Covid-19 ma a rischio di gravi eventi avversi. Il fatto che l'efficacia del vaccino sia diminuita significativamente dopo pochi mesi e che sia debole contro la variante delta del virus contribuisce alla nostra conclusione che la vaccinazione covid dovrebbe essere sospesa in Svezia fino a quando non sia stato eseguito un calcolo del beneficio-rischio per tutti i gruppi di età. La nostra posizione deriva dalle rivelazioni del BMJ e da ciò che ora sappiamo sui rischi per i pazienti".

La chiamata è stata firmata da questi individui:

Nils Littorin, MD; dottorato in microbiologia clinica.
Magnus Burling, MD, specialista in medicina generale,
Sture Blomberg, specialista in anestesiologia e medicina intensiva; professore associato
Ragnar Hultborn, specialista in oncologia; professore emerito
Lilian Weiss, specialista in chirurgia generale; professore associato
Ann-Cathrin Engwall, immunologa e virologa; dottorato in biologia cellulare molecolare con specializzazione in immunologia
Sebastian Rushworth, stagista
Maria Papadopoulou, oculista
Carina Ljungfelt, specialista in medicina generale
Christina Malm, specialista in medicina generale,
Bo Jonsson, specialista in psichiatria generale; MD
Anette Stahel, MSc in Scienze Biomediche,
Nina Yderberg, specialista in psichiatria infantile e adolescenziale
Dinu Dusceac, specialista in cardiologia; PhD
Margareta Andersson, specialista in medicina generale
Hanna Åsberg, specialista in medicina generale